Con una traversata funambolica di Andrea Loreni, unico funambolo italiano specializzato in traversate su cavo a grandi altezze, si inaugura domenica 29 ottobre alle ore 16.00 la prima personale italiana del giovane artista francese Jérémy Gobé, ospitata fino al 7 gennaio nelle splendide sale del Filatoio di Caraglio, il più antico setificio d’Europa ancora esistente.

Con una traversata funambolica di Andrea Loreniunico funambolo italiano specializzato in traversate su cavo a grandi altezze, si inaugura domenica 29 ottobre alle ore 16.00 la prima personale italiana del giovane artista francese Jérémy Gobé, ospitata fino al 7 gennaio nelle splendide sale del Filatoio di Caraglio, il più antico setificio d’Europa ancora esistente.

Andrea Loreni ancora protagonista

Il recordman italiano per la traversata del 2011 di 250 metri di lunghezza a 90 metri di altezza tra i colli di Penna e Billi in Romagna, si muoverà su un cavo d’acciaio dal diametro di 16 mm e lungo più di 30 metri, a 10 metri di altezza, sospeso in uno scampolo di cielo incorniciato dal secondo cortile del Filatoio. Saranno i passi lenti del funambolo che, in delicato equilibrio, inviteranno il pubblico a intraprendere il viaggio verso e attraverso la mostra di JÉRÉMY GOBÉ, dal titolo TERRA DI SETA. 400.000 CHILOMETRI DALLA LUNA.

La mostra

400.000 fragili bozzoli, diventano 400.000 cocons, un’opera organica, viva che racchiude circa 400.000 chilometri di prezioso filo di seta. Un invito a immaginare, come odierni Jules Verne, la distanza che separa la Terra e la Luna e a intraprendere il fantastico viaggio accompagnati dalla forza evocativa della performace di Andrea Loreni.

La particolarità

Sono la bellezza struggente e il forte impatto della camminata e delle opere ad unire i due artisti, sopra e sotto lo stesso tetto. Lo sguardo sale a seguire l’incedere leggero del funambolo, così come sale per ammirare, ascoltare e vivere le installazioni dell’artista francese.

 

Leggi anche:  Favria Scozia in Panda