Ciclismo personale volontario ASA, ufficializzato l’accordo fra Regione Piemonte e il comitato regionale della Federazione Ciclistica Italiana.

Ciclismo personale volontario ASA

La federazione ciclistica italiana, comitato piemontese, e la Regione Piemonte hanno presentato un protocollo d’intesa che permetterà di formare personale volontario ASA. Si tratta di quel personale Addetto alla Segnalazione Aggiuntiva impiegato come “scorta tecnica” nell’ambito delle competizioni ciclistiche sul territorio.

Ferraris, assessore regionale allo Sport

L’assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris interviene: “Con questo atto si sopperisce all’esigenza crescente di dotare il personale volontario di un apposito «patentino». Questo permetterà di intervenire in piena sicurezza durante le manifestazioni sportive ciclistiche. Il personale sarà autorizzato anche alla regolamentazione del traffico in ausilio alla Polizia Stradale e alla Polizia Locale. Il progetto è reso possibile grazie alla collaborazione con la FCI piemontese. La federazione piemontese compartecipa alle spese per dotare la regione di personale volontario per le competizioni presenti su suolo piemontese”.

I corsi

Si tratta di personale volontario scelto fra gli associati alle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile. Ovviamente questo personale dovrà essere formato per poter agire in supporto alle Forze dell’Ordine durante il servizio durante lo svolgimento delle corse ciclistiche. I corsi saranno organizzati proprio dalla FCI e sostenuti anche dalla Regione Piemonte.

Leggi anche:  Cortile vietato al disabile

Soddisfatto Vietri

Soddisfatto il presidente del Comitato regionale della FCI Giovanni Vietri: “Possiamo definire il 13 novembre 2017 una data storica. La Regione Piemonte sarà il primo Ente ad effettuare una convenzione con la FCI e in questo caso con il CR Piemonte per il reclutamento di circa 1000 volontari alla figura di ASA.”