Dopo la caduta massi… un semaforo. Viabilità a singhiozzo a Traves in Val di Lanzo.

Dopo la caduta massi… un semaforo

Proseguono i lavori nel tratto interessato dallla caduta massi tra Biò e Grangia.  Si formano rallentamenti  nelle ore di punta  del mattino e della sera per i pendolari delle Valli di Lanzo. Per il traffico, a senso unico alternato, sulla Provinciale Sp30 è stato disposto  un semaforo  provvisorio. Visto il restringimento in curva della carreggiata il cantiere lavori della Città Metropolitana con i mezzi procede con prudenza.

Tragedia sfiorata

Infatti si era  sfiorata la tragedia nella serata di lunedì 5 febbraio dopo le 18,30 quando dei massi si sono staccati dal costone di roccia franando sulla strada  provinciale  proprio nella curva  tra la frazione Biò e quella  di Grangia.  Per fortuna nessun veicolo in quel momento  era in transito. Prontamente sul posto  i vigili del fuoco e l’Aib di Traves per allertare, tutta la notte, gli automobilisti di passaggio con i fari.

Leggi anche:  Gruppo La Fenice festeggiati 10 anni di attività

Infiltrazioni d’acqua?

Infatti con le piogge  delle ultime settimane si sono create  spaccature nelle rocce.  Lancia l’appello alle autorità regionali il sindaco di Traves Osvaldo Cagliero: “Bisogna intervenire tempestivamente  perchè c’è  da considerare  anche il disgelo primaverile. Non possiamo stare ad aspettare che i muri a secco  crollino. Purtroppo la situazione è peggiorata perchè le nostre Valli sono abbandonate. E non è più stata fatta manutenzione”.