Ex asilo Mappano, polemica sulla possibilità di bonifica.

Ex asilo Mappano

Il Comune parteciperà al bando ministeriale per bonificare l’ex asilo di via Nino Costa, l’edificio preso di mira dai vandali nella primavera del 2017. Gli autori, tutti ragazzi, sono stati recentemente al centro delle vicende giudiziarie, essendo stati individuati dai carabinieri, riaccendendo l’attenzione su un fabbricato finora abbandonato.

Il commento dell’assessore ai lavori pubblici

Annuncia l’assessore ai lavori pubblici Massimo Tornabene: “ Dai sopralluoghi effettuati è stata esclusa la presenza di amianto di tipo friabile, mentre risulterebbe presente all’interno delle pareti perimetrali e del contro-soffitto. Se il Ministero dell’Ambiente accoglierà la nostra richiesta potremmo dare avvio alla ristrutturazione di tutta l’area che la nostra Amministrazione vorrebbe destinare ai servizi sociali e sanitari”.
La stima dei lavori, predisposta dall’ingegner Pier Luca Vassia, ammonta a 50.828 euro. La graduatoria del Ministero dell’Ambiente verrà pubblicata entro il prossimo autunno.

La replica del capogruppo di minoranza

Controbatte il capogruppo di minoranza Valter Campioni: “Non si tratta di un nuovo progetto ma solo della richiesta di finanziamento allo Stato. Dopo un anno dalle elezioni, mi pare si continui a ragionare per slogan. L’amianto non è di tipo volatile ma si trova all’interno dei pannelli. Questa criticità è presente in tutti i prefabbricati di Mappano, escluse le scuole elementari e medie, già in muratura. Le pareti possono diventare pericolose solo se viene piantato un chiodo. Perciò occorre rivestirle al fine di renderle innocue. Mi sembra che si crei un’ emergenza che non esiste per far finta di risolverla”.