Halloween no grazie. A Castellamonte solo la tradizione per la vigilia di tutti i Santi.

Halloween no grazie: meglio la “Supa ad Coi”

Niente dolcetto o scherzetto o zucche intagliate. All’oratorio La Rotonda di Castellamonte si punta sulla tradizione. Il programma della viglia di tutti i santi stilato dagli animatori in collaborazione con la parrocchia dei Santi Pietro e Paolo non prevede, infatti, niente di “mostruoso” o “americano”. Si parte, oggi, alle 18.30 con Santa Messa. Alle 19.30 spazio all’adorazione eucaristica, mentre alle 20.30 tutti a tavola con la cena tradizionale “Supa ad Coi”. Alle 21.30 si smaltiranno le calorie di troppo accumulate con tornei di calcio e pallavolo a volontà.

Un santo su ogni porta e profilo internet

Halloween no grazie. Spazio, quindi, ad Holyween. Si tratta di un’iniziativa lanciata anni fa che suggerisce di affiggere il volto di un santo su porte e finestre di case, uffici, chiese e oratori. Il tutto proprio alla vigilia della festa di Tutti i santi. L’idea si è rapidamente diffusa attraverso il web. E’ stata rilanciata a Castellamonte anche quest’anno dall’arciprete, don Angelo Bianchi.

Le parole di don Angelo

Mi domando se nel mondo e negli uomini ci sia ancora coerenza. Si sente dire da molti anche da bravi cristiani che, ci stanno rubando le nostre radici, perdiamo la nostra storia e la nostra cultura, calpestano i nostri principi ecc. Ma chi? Con chi vogliamo prendercela? Non siamo forse noi che abbiamo cambiato Gesù Bambino con Babbo Natale, i Re Magi con la Befana, la vigilia dei Santi in Halloween; i crocifissi si tolgono per non disturbare quelli che non la pensano come me, chi ce l’ha imposto? Noi stiamo distruggendo la nostra cultura e le nostre radici, importando da ogni dove, tutto ciò che nulla ha a vedere con la nostra storia e la nostra cultura. Ciò che più è sconcertante è che i più accaniti sostenitori di “ci rubano le nostre radici “sono i più accaniti sostenitori di ciò che le nostre “radici” non prevedono. Mostrandoci il volto di una società caratterizzata dal crollo dei valori, dal degrado e in piena decadenza educativa e morale. Una società frustrata, senza più anima, basata sulla violenza, sulla competizione e sull’affarismo. Svegliati oh vecchia Europa altrimenti gli altri sveglieranno te.