Nole, la prima Messa di don Daniele Venco.

Nole, la prima Messa di don Daniele Venco

La prima Messa di don Daniele Venco è stata celebrata presso la chiesa del suo paese: Nole. Nel pomeriggio di domenica 10 giugno in una affollata chiesa di San Vincenzo che si è riunita per l’occasione di festa. Don Daniele Venco è stato ordinato sacerdote sabato 9 giugno presso la cattedrale di San Giovanni Battista. L’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino hanno suggellato il sogno di Daniele: dedicare la sua vita a Dio.

Domenica 10 la sua prima Messa

Domenica scorsa la sua prima Messa. Ad accogliere l’arrivo di don Venco è stato l’assessore Tiziana Zambello. «E’ un onore e un privilegio per me essere qui oggi per porgere a don Daniele il saluto del sindaco, di tutta l’Amministrazione comunale e di tutta la comunità nolese – ha detto la Zambello – Daniele è un ragazzo di Nole, cresciuto vivendo il paese. Offrendo il suo contributo prima nel “Gruppo 3 stelle”, poi come animatore in oratorio. Direttore del coro parrocchiale e infine nelle attività di Unità Pastorale, con l’obiettivo di creare sinergia tra i giovani. Appassionato anche di canto e recitazione è stato impegnato nel coro Eufonè e nella Compagnia della Torre. Ha poi seguito la sua vocazione e oggi siamo qui per condividere la gioia del suo sacerdozio. L’esempio di don Daniele – ha concluso – sia di stimolo e testimonianza per tutti i giovani, perché sappiano ascoltare, credere e coltivare i loro sogni”.

Leggi anche:  Associazione Volare Alto Onlus arriva il film Voliamo alto la nostra storia

In dono una preziosa tela da parte dell’Amministrazione comunale

“Sono felice, a nome del sindaco e di tutta l’Amministrazione comunale di farti dono di questa tela. – ha proseguito la Zambello – Riproduzione del dipinto raffigurante l’Annunciazione opera dell’artista Oreste Pizio, illustre nolese di adozione. Pizio nacque a Torino nel 1879 e morì qui a Nole nel 193. Fu pittore e miniatore di riconosciuta fama a livello nazionale e formatosi all’Accademia Albertina di Torino. Fu sensibile agli influssi dell’Art Nouveu. Abbiamo pensato a questo dono perché proprio tu don Daniele hai scelto questo dipinto, facendolo stampare sulle immaginette ricordo della tua ordinazione. Questa immagine, che ti è cara anche per il legame con Nazareth. – ha ancora aggiunto – luogo in cui si è manifestato il mistero dell’Annunciazione, portala sempre con te, dove il ministero sacerdotale ti condurrà». Alla Messa è seguito un apericena comunitario presso l’Oratorio e in ultimo, la Compagnia della Torre di Mathi ha presentato il musical «La matita di Dio» dedicato alla vita di Madre Teresa, presso il Nole Forum.