Stazione Porta Canavese, dopo l’incontro di ieri a Roma la Regione Piemonte farà un’analisi costi-benefici del progetto.

Stazione Porta Canavese a Roma

Incontro istituzionale, mercoledì 11 aprile a Roma, per verificare l’ipotesi di realizzazione del progetto Stazione Porta Canavese e del Monferrato.

I presenti

Al tavolo erano presenti il sindaco di Chivasso Claudio Castello insieme al suo Assessore ai Lavori Pubblici, Domenico Barengo. C’erano poi anche Sergio Ricca, sindaco di Bollengo e portavoce dei Comuni del Canavese e dell’Eporediese, Paolo Cugini, vice portavoce per la Zona Omogenea 10. E poi ancora Andrea Gavazza per l’Assessore regionale Giovanna Pentenero, Marco Marocco vice sindaco di Città Metropolitana, Francesco Balocco Assessore ai Trasporti della Regione. Immancabile la presenza degli onorevoli Davide Gariglio, Francesca Bonomo e Carlo Giacometto. E infine l’ingegner Christian Colaneri per RFI e Thomas Carini per Identità Comune.

Le parole di Castello

“Sono molto contento di vedere che le forze in campo siano numerose. Ora, attraverso gli enti preposti, la Regione Piemonte farà un’analisi costi-benefici del progetto. Un tavolo tecnico, invece, verificherà i numeri relativi al bacino di utenza, i possibili flussi turistici ed il flusso sostenibile. Credo sia anche importante capire se la linea ad Alta Velocità possa essere impiegata per altre iniziative”.

L’assessore Barengo

“Obiettivo dell’incontro era quello di iniziare il percorso che, qualora ci siano le condizioni, porterà alla realizzazione della Stazione. Era importante un piano che potrà essere seguito anche da Roma. I tempi sono limitati, ma speriamo che l’analisi venga avviata presto. Proprio lo studio costi-benefici è al centro di questa fase”.