Trovato morto nell’auto dopo quattro mesi. Triste fine per Giovanni Cresto Caveglia, 75 anni, di Chiaves.

Trovato morto nell’auto in un parcheggio

E’ stato trovato morto nell’auto Giovanni Cresto Caveglia. La vettura era in un parcheggio a Porto Azzurro, provincia di Livorno. Il corpo era   una vecchia Citroen Ax, nel piazzale  adiacente la sua abitazione, in piena campagna. Secondo la ricostruzione dei carabinieri e del medico legale  la morte risalirebbe  a quattro mesi fa.

L’allontanamento

L’uomo  aveva deciso di lasciare  le Valli di Lanzo da tempo e vivere all’Isola d’Elba.  Si trovava in una struttura fatiscente e priva di elettricità, immersa nella campagna. Aveva scelto di vivere in solitudine.  Pochi i rapporti con i figli rimasti in provincia di Torino, che sentiva di tanto in tanto.   Per mesi non avrebbe avuto contatti con la famiglia, neanche durante le feste natalizie.

Le ricerche

Ma a un tratto  non avendo più notizie del genitore dallo scorso mese di ottobre, uno dei  figli avrebbe  chiesto ai parenti di   Campo di recarsi  a controllare nella proprietà di Porto Azzurro.  Così nel pomeriggio di giovedì 15 febbraio la macabra scoperta. Il nipote ha trovato nel piazzale della proprietà il cadavere dello zio in avanzato stato di decomposizione.

Leggi anche:  Neonato chiuso in auto con le portiere bloccate, panico a Rivarolo

Il ritrovamento del cadavere

Cresto Caveglia era riverso sui sedili dell’auto. I piedi fuori dall’abitacolo e la portiera rimasta aperta. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della  stazione dell’Isola d’Elba . Dalle prime indiscrezioni  il periodo della morte risalirebbe  proprio al mese di ottobre 2017. Infatti i militari  all’interno dell’abitazione  hanno ritrovato alcuni sacchetti della spesa che risalgono proprio a quella data.

Le cause della morte

I rilievi sono serviti a stabilire come il decesso  sia avvenuto per cause naturali. E’ probabile che l’uomo si sia sentito male mentre saliva  in auto.  Non presentando il corpo segni di violenza la salma è stata  riconsegnata dall’autorità giudiziaria alla famiglia. Il funerale  si è svolto  martedì 20 febbraio nella sua amata  Monastero-Chiaves.