Addio Giorgio, il geometra di Ciriè.

Addio Giorgio, il geometra di Ciriè

Ultimo saluto a Giorgio, storico dipendente dell’ufficio tecnico di palazzo d’Oria. Giorgio Nepote Vesin si è spento martedì 26 dicembre, all’età di 86 anni, all’ospedale di Ciriè, accudito dal figlio Ruggero e dai nipoti Giorgio e Giacomo. Così lo ricorda il figlio: “Mio padre si è sempre prodigato nel proprio mestiere per risolvere molteplici problemi. Negli anni ’50 e decenni successivi ha condotto ben due strutture. Si è occupato dei progetti presentati all’ufficio tecnico. Nel contempo si è interessato dell’acquedotto di Ciriè e San Carlo”.

Originario di Pian Audi, a Corio

Giorgio nasce a Ciriè ma resta legato per tutta la vita a Pian Audi, dov’era originaria la propria famiglia. Dopo aver conseguito il titolo di geometra, trova lavoro in municipio. Per quasi quarant’anni è stato il responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Ciriè. Precisamente tra gli anni ’50 e ’90, quando ha raggiunto la meritata pensione. Qualsiasi autorizzazione o progetto passava sotto la sua disamina. Questo ruolo ha acquistato grande importanza nel trentennio, dal 1960 al 1990, in cui l’edilizia ha conosciuto il suo periodo d’oro, cambiando per sempre il volto della città.

Leggi anche:  Riqualificazione centro storico: il Comune dà una mano

Per 20 anni presidente di Borgo Loreto

Giorgio è stato per vent’anni presidente di Borgo Loreto. Interviene Lucia Onofrio: “Per due decenni è stato alla guida della compagine.
Quindi, nel 2010, è diventato presidente onorario. Ben due volte è stato priore di borgo Loreto con la moglie Livia. Precisamente nel 1976 e nel 1992.

Anche segretario dell’Ars et Labor

Aggiunge Barbara Re, presidente dell’ “Ars et Labor”: “ E’ stato segretario tra gli anni ’60 e ’70, ai tempi della prima presidenza di Pierino Pellegrino”. Nello stesso periodo è stato componente del direttivo della ciclistica “Brunero”. Conclude il figlio Ruggero: “Mio padre teneva molto all’incarico di membro della commissione edilizia in Comune a Corio, a paese era molto legato.  Inoltre, negli anni ’50, per un breve periodo, ha insegnato all’Inapli di Ciriè”.