A Balangero il capolavoro di un imbecille.

A Balangero il capolavoro di un imbecille, la risposta del sindaco ai vandali

In cartello di segnaletica stradale collocato in viale Copperi è stato danneggiato dai vandali. O comunque da qualcuno che non ha trovato di meglio da fare. Infatti, è stato piegato, Di proposito. Danneggiando così un bene pubblico. Pagato dai cittadini. Che ora occorrerà aggiustare o forse sostituire. E così il sindaco Franco Romeo ha deciso di commentare a “modo suo” l’accaduto. Collocando sul cartello danneggiato un foglio. E sopra ha scritto “Capolavoro di un imbecille”. Rivolto, ovviamente, all’autore del gesto. Decisamente poco intelligente.

I vandali hanno spesso danneggiato beni pubblici in paese

I vandali sono di casa a Balangero. Si sono spesso, infatti, resi autori di gesti ai danni dei beni pubblici. Per esempio il gazebo collocato in piazza Pertini. Accanto al Municipio. E’ stato preso di mira più volte. Sistemato dall’allora sindaco Pierdomenico Bonino. Ma poi ridanneggiato. Per non parlare del parco giochi. Prima che venisse trasferito nel parco del Municipio, era meta preferita dei vandali. A poco sono valse le ripetute raccomandazioni degli amministratori. Chi ha voluto divertirsi in modo così sciocco ha continuato infatti a farlo.

Leggi anche:  Trovato cadavere nei campi a Chivasso | Video

La situazione è migliorata con le telecamere

Ne verranno ancora collocate di telecamere. Per il momento in centro ce ne sono già alcune. Operative. Volute dalla passata Amministrazione. Dopo i numerosi furti in paese. Che avevano impaurito i cittadini. Al punto di chiedere tutti insieme la collocazione di telecamere. Per garantire la sicurezza. Ci fu anche un incontro pubblico. Per discutere il tema sicurezza. Una parte dell’intervento è stato realizzato. Infatti, occhi elettronici sono già attivi in paese. In progetto c’è, adesso, la collocazione di telecamere anche nella via Fraschetti. Zona dove si sono verificati furti in abitazioni. E anche  attività commerciali, come il macello delle Valli di Lanzo.