Consorzio rifiuti Cisa nel mese di ottobre 2018 si scioglierà per lasciare il posto alle cosiddette Aree Vaste.

Consorzio rifiuti Cisa scioglimento vicino

Nel mese di ottobre 2018 il Consorzio Rifiuti Cisa si scioglierà per lasciare il posto alle cosiddette Aree Vaste. “Il nostro obiettivo – spiega il presidente del Consorzio Cisa Mario Burocco – e’ quello di lasciare in eredità a questo nuovo ente un sistema di tariffazione funzionante. Puntuale e avviato. In alcuni Comuni è già partito. Quattro Comuni al via nel 2019. Nel 2020 si spera di poterlo far partire anche a Ciriè“.

Spazio alle Aree Vaste

Il Consorzio Rifiuti Cisa ha quindi sempre lavorato nell’ottica di fare progetti di coinvolgimento di tutto il territorio. Mentre tra gli argomenti sui quali l’ente ciriacese lavorerà c’è anche la questione rifiuti per i richiedenti asilo che abitano nei Comuni di competenza del Consorzio attraverso la gestione delle Cooperative.

Questione rifiuti e richiedenti asilo

“Stiamo lavorando proprio con le Cooperative – aggiunge ancora Burocco del Consorzio rifiuti Cisa – perché la raccolta rifiuti è davvero un problema da gestire nelle zone che ospitano profughi. Un ottimo lavoro lo stiamo facendo con Giovanni Poma che coordina il Coro Moro a Ceres. Il problema più grande è che per queste persone la cultura del rifiuto e della differenziata non esiste. Abbiamo quindi in programma una serie di opuscoli anche in lingua inglese e francese che va a fare formazione sull’argomento a questi ospiti”.