BARBANIA – Due colpi nel giro di neppure un’ora ma il secondo  fa “cilecca”. Avrebbero già al loro attivo gli assalti  alle filiali delle banche di Bricherasio, Givoletto, Venaria, Vigone, Gassino e Caluso.

BARBANIA – Due colpi nel giro di neppure un’ora ma il secondo  fa “cilecca”. Avrebbero già al loro attivo gli assalti  alle filiali delle banche di Bricherasio, Givoletto, Venaria, Vigone, Gassino e Caluso. Oltre naturalmente al “botto” della notte tra martedì e mercoledì  31 maggio che ha fatto letteralmente esplodere il bancomat  della Biverbanca  di Strambino con un bottino di migliaia di euro. Ma nell’ultimo assalto alla filiale Unicredit di piazza Umberto I, poco prima della 4 del mattino, qualcosa non ha funzionato: l’innesco non esplode costringendo così la banda alla  fuga sulla ormai famigerata, e imprendibile, Mercedes bianca. Sono stati poi gli artificieri giunti da Torino a disinnescare  la “marmotta” nella zona  dietro al cimitero di Barbania.