Maltempo in Val d’Aosta. In molte delle località rimaste temporaneamente isolate nei giorni scorsi, stanno riaprendo le strade chiuse per il distacco, o il rischio, di valanghe.

Maltempo in Val d’Aosta

Come scrive aostasera.it, passata la fase acuta della perturbazione che ha tenuto banco sui cieli della Valle dallo scorso fine settimana, le località che erano rimaste temporaneamente isolate, a causa di valanghe, o del pericolo di distacchi, cercano di riprendere oggi, mercoledì 10 gennaio, il ritmo della normalità.

Cogne

A Cogne, la regionale 47, che collega la località ai piedi del Gran Paradiso al fondovalle, sarà “regolarmente riaperta al transito” dalla mattinata, “compatibilmente con le ultime operazioni di sgombero neve e pulizia del manto stradale”. Sulla strada comunale per la Valnontey, si stanno svolgendo le operazioni di sgombero della valanga caduta ieri ed è probabile il ripristino della viabilità già dal pomeriggio. Le altre strade comunali sono tutte aperte e regolarmente percorribili.

Cervinia

Ottimistica la situazione anche a Cervinia, con la locale Commissione valanghe che si è riunita sul far della luce stamattina e, preso atto dell’assenza di distacchi nelle ore notturne e di una situazione valutata al momento “tranquilla”, ha stabilito di assumere una decisione definitiva sulla riapertura della regionale tra il Breuil e Valtournenche in un nuovo sopralluogo, che avverrà attorno all’ora di pranzo, con l’ultimazione delle operazioni di pulizia del tratto interessato, attualmente in corso.

Riapre la regionale della Valle di Rhêmes

Operazioni di riapertura in corso anche lungo la regionale della Valle di Rhêmes. “In questo momento – dice il sindaco di Notre-Dame, Corrado Oreiller – sto seguendo le ruspe e ci troviamo poco prima dell’abitato di Melignon. Ci sono un po’ di piante sulla carreggiata, ma andiamo avanti a sgomberare”. La situazione della telefonia cellulare sembra migliorata e, per quanto riguarda l’elettricità, “sto per contattare Deval per comunicare che la strada è riaperta e si può quindi salire per verificare l’interruzione di fornitura degli scorsi giorni”.

Leggi anche:  Borgomasino maggiore sicurezza lungo le strade

Valgrisenche

A Valgrisenche, una decisione sul fronte viabilità è attesa in mattinata. “La Commissione valanghe – afferma il sindaco Riccardo Moret – sta valutando soprattutto lo stato dei versanti, controllando se sono avvenuti distacchi e di che portata. Le strade al momento sono percorribili, ma ora restano chiuse precauzionalmente: in mattinata dovremmo capire meglio”. L’altra criticità verificatasi nel comune è quella legata all’interruzione dell’elettricità, avvenuta nella tarda mattinata di ieri, martedì 9. “Il Gruppo Deval – aggiunge il primo cittadino – sta salendo con un gruppo elettrogeno. Risulta interrotta una linea di media tensione a Revers, luogo ove è difficile intervenire”, ma “la fase peggiore dovrebbe ormai essere passata”.

Per Valsavarenche, il problema più importante resta l’assenza di elettricità. “I tecnici Deval – spiega il sindaco Giuseppe Dupont – sono saliti, ma l’intervento non è ancora andato a buon fine. Ad ora, chi è sprovvisto di un generatore è ancora senza corrente”. Relativamente alla viabilità, “la Commissione valanghe è in seduta permanente ed una decisione sulla riapertura verrà presa attorno a metà giornata”.

Ayas e Gressoney

Ad Ayas le strade e le scuole restano chiuse anche oggi. Una nuova rivalutazione è prevista per la serata. “Speriamo di riaprire domani” dice il sindaco Alex Brunod.

A Gressoney la riapertura della strada è prevista per le 13 di oggi.