Morto Gualtiero Marchesi, pilastro della cucina italiana e grande Maestro.

Morto Gualtiero Marchesi

Se n’è andato a 87 anni, nella sua casa di Milano, dove negli ultimi tempi era impegnato a realizzare la sua ultima fatica: un libro con tutte le sue ricette più famose. Se n’è andato per un arresto cardiaco, conseguenza forse di una bronchite che lo aveva colpito qualche giorno prima.

Gualtiero Marchesi si è spento nella sua casa milanese, contornato dalla sua famiglia e dai suoi affetti. Da tempo era malato di tumore ma quello che probabilmente lo ha più abbattuto è stata la perdita dell’amatissima moglie Antonietta appena sei mesi fa.

Uno chef innovativo

L’italia perde uno dei pilastri della sua cucina così come la conosciamo oggi: libera, innovativa e scanzonata. Il suo piatto più celebre il riso oro e zafferano.

Rimarrà per sempre nel cuore di tutti e verrà ricordato come un grandissimo chef, maestro di grandissimi chef. Fra i suoi allievi più illustri Andrea Berton, Carlo Cracco, Paolo Lopriore, Ernst Knam, Davide Oldani… solo per citarne alcuni.

Leggi anche:  Medico di famiglia ruba a casa dei pazienti

La sua filosofia in cucina

Fondatore della più prestigiosa scuola di cucina italiana, l’Alma, è stato il primo chef italiano a ottenere tre stelle Michelin, e il primo a rifiutarle, rifiutando così tutto quel sistema di punteggi e catalogazioni legato a quel mondo. “Accetterò solo commenti” aveva dichiarato nell’occasione.

Il ricordo di Massimiliano De stefano, fondatore di “Chef&maître”

“È morto il Maestro della cucina Italiana, il primo innovatore, colui che ha reso famosa la nostra cucina nel mondo, ha entusiasmato i grandi chef stimolando la ricerca e la cucina moderna”. Così Massimiliano De stefano, eporediese fondatore di “Chef&maître”, commenta la perdita del grande chef. “Il primo chef a prendere 3 stelle Michelin in Italia e il primo chef a restituirle. L’unico vero Maestro della nostra cucina. Buon viaggio Maestro…”