San Maurizio, l’addio a Davide Mercandino: aveva 35 anni.

San Maurizio, l’addio a Davide Mercandino: aveva 35 anni

Davide è tornato dalla madre Giulia. Davide Mercandino era molto legato al genitore, scomparso quando aveva vent’anni. Attualmente gli riposa a fianco, nella tomba di famiglia del cimitero Sant’Eurosia, nei dintorni di Biella. L’uomo è mancato martedì 3 aprile, all’età di 35 anni, per un male incurabile, all’ex ospedale Mauriziano di Lanzo, accudito dal padre Giovanni, dalla sorella Cinzia e dalla fidanzata Elisa.

Il ricordo del papà Giovanni…

Racconta Giovanni Mercandino, medico molto conosciuto e stimato in paese: “Mio figlio era un ragazzo meraviglioso e una persona molto intelligente. Possedeva una memoria fotografica che gli consentiva d’incamerare subito le informazioni. Le riportava con una grande chiarezza espositiva. Purtroppo si è ammalato un anno fa. Consapevolmente, ha accettato il suo destino con grande dignità e responsabilità. Gli amici gli sono sempre stati vicini, piangendo tutte le loro lacrime ai funerali di venerdì 6 aprile. Porterò questi ragazzi nel cuore. Inoltre, la porta di casa mia continuerà ad essere aperta per ricevere visite”.

Leggi anche:  Incendio Canischio inizia la stagione dei roghi

Era iscritto all’Admo

Le esequie si sono tenute nella parrocchia di “Santa Maria della Pace” di Pralungo, nel biellese. Davide cresce a Caselle dove ha vissuto per venticinque anni. Si laurea in geologia ambientale applicata. Nel frattempo, aderisce alla sezione Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo) di San Maurizio. Racconta la presidentessa Valeria Coriasco: “Davide è stato per svariati anni nel nostro direttivo nel ruolo di consigliere. Sicuramente era una persona sensibile. Partecipava con entusiasmo a tutte le attività di divulgazione”. La compagine ha presenziato ai funerali con il labaro listato a lutto. Davide lascia un grande vuoto tra i familiari e gli amici. Interviene il padre Giovanni: “Cercheremo di continuare a vivere con dignità la nostra solitudine. Faremo quello che lui ci ha chiesto fosse fatto”.