Telecamera nella TV. Telecamera nascosta nella tv incastra trafficanti senegalesi, fermate 48 persone.

Telecamera nella TV

I carabinieri della Compagnia Torino San Carlo hanno incastrato un’organizzazione criminale senegalese di trafficanti di cocaina. Una telecamera nascosta nel televisore dell’appartamento che fungeva da laboratorio per il confezionamento e la vendita della droga svela tutto.
Il 5 febbraio scorso, i miliari hanno notificato 7 misure della custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone, responsabili di detenzione e spaccio di droga.
L’indagine ha già permesso di individuare, nei mesi scorsi, altri 41 affiliati, di cui 18 arresti e 23 denunce, responsabili a vario di detenzione e spaccio di droga, di possesso e fabbricazione di documenti falsi, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini

L’inchiesta ha consentito di individuare i due fornitori albanesi e scoprire un laboratorio per il confezionamento e la vendita della cocaina gestito dall’organizzazione. Ognuno degli affiliati aveva un compito specifico: logistica, gestione dei pusher, preparazione delle dosi, consegne a domicilio. I trafficanti erano in grado di soddisfare centinaia di clienti al giorno.

Laboratorio della cocaina

La droga era destinata a un appartamento di via Vigevano 52 a Torino, sede del quartier generale e del laboratorio, dove la droga era stoccata, tagliata, confezionata e distribuita a decine di “operai dello spaccio” per la vendita al dettaglio nei quartieri torinesi.

Leggi anche:  Abbandono di rifiuti pericolosi vicino al Castello di San Giuseppe

Sono stati individuati i principali fiancheggiatori del gruppo criminale che si occupavano di nascondere il denaro guadagnato con la vendita della droga. Denaro che era reinvestito nel traffico di cocaina e una parte serviva per pagare le spese legali degli affiliati arrestati e detenuti in carcere.
L’attività investigativa ha permesso, inoltre, di sequestrare 160.000 euro in contanti e un numero considerevole di documenti, tra passaporti e altri documenti, apparentemente validi per l’espatrio e intestati a stranieri extracomunitari il cui possesso non era assolutamente giustificabile e di cui dieci, in ogni caso, erano stati contraffatti. Altri, invece, erano intestati a soggetti extracomunitari privi del permesso di soggiorno sul territorio dello Stato Italiano e dediti ad attività di spaccio sotto altro nome.

Bilancio intera attività investigativa:

  • 18 arrestati in flagranza per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
  • 7 arresti su ordinanza di custodia personale.
  • 23 denunciati per reati in materia di stupefacenti, possesso di documenti falsi, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione.
  • 45 persone segnalate alla Prefettura di Torino.
  • 160.000 euro sequestrati.

Video