Abbinamento cibo vino, quali regole rispettare? Prima di tutto occorre portare rispetto ai cosiddetti principi d’armonia. Riuscendo ad armonizzare il gusto di un cibo con quello di un vino si centra l’ambito obiettivo di valorizzare le qualità di entrambi. Riuscire a comporre un buon abbinamento, tuttavia, non è cosa agevole. A influire, infatti, non ci sono solo le caratteristiche dei cibi e dei vini, ma anche clima, atmosfera, annate delle vendemmie. La scelta base si effettua attraverso l’analisi organolettica. I pochi principi dell’armonia ai quali occorre richiamarsi nell’accostamento sono i seguenti.

Scegliere l’ abbinamento cibo vino

Un piatto locale o regionale (per esempio i pizzoccheri valtellinesi) va in linea di massima abbinato a un vino della medesima zona. Si creerà così una piacevole affinità di profumi e sapori. Il contrasto di sapore osservato superficialmente può avere in sé i caratteri del paradosso, eppure talvolta l’abbinamento migliore si ha quando il vino esprime caratteristiche opposte al piatto. E’ per questo che un piatto grasso come zampone o cotechino si sposa alla perfezione con un vino giovane e frizzante come il Lambrusco di Sorbara!

Leggi anche:  Cottura al cartoccio, che cosa cucinare con questa tecnica?

I sapori dolci

Se un piatto è caratterizzato da sapori dolci, questi ultimi tendono a emergere. Prendiamo a esempio un dessert: poiché non esistono vini secchi che reggano il confronto è meglio assecondare il contenuto zuccherino del piatto con un vino dolce. L’errore più diffuso?
Abbinare a torte e pasticcini uno spumante brut secco. Molto meglio, per esempio, un Moscato d’Asti o un Brachetto.

Questione di struttura

Corpo del vino e struttura del piatto devono essere direttamente proporzionali. A piatto complesso per preparazione e ricercatezza degli ingredienti, va abbinato un vino altrettanto complesso. Un piatto leggero e delicato, invece, non va coperto da vini importanti… Infine ricordate che ogni piatto dovrebbe essere idealmente accompagnato da un vino diverso e che se proponete un brasato di filetto al marinato in un vino rosso corposo… dovreste accompagnarlo con lo stesso tipo di vino che avete utilizzato per cucinarlo.