Carlevà ‘d Mathi. La data è stata fissata: domenica 11 marzo ci sarà la sfilata del Carlevà ‘d Mathi.

Carlevà ‘d Mathi

Lo scorso anno, dopo cinque anni di stop, era stato il maltempo a costringere il Comitato Carnevale prima a rinviare e poi ad annullare definitivamente la sfilata: la prima volta era stata il 5 febbraio, la seconda invece il 26 marzo, sempre a causa della pioggia.

Tante novità

Si preannuncia una manifestazione ricca di novità: ancora top secret il percorso, dal momento che gli organizzatori stanno vagliando con attenzione tutte le possibilità, tenendo conto anche delle nuove normative sulla sicurezza introdotte dalle circolari Gabrielli, emanate la scorsa estate dopo i tragici fatti di piazza San Carlo, a Torino.

Il Filandè e la Bela Filandera

Oltre alla data, c’è un’altra certezza: a vestire i panni delle storiche maschere del paese, il Filandè e la Bela Filandera, saranno ancora Jacopo Lenti ed Elisa Sopetti (nella foto insieme ad Aldo Rocchietti March, che per anni ha impersonato il Gianduja torinese). I due giovani avevano fatto il loro esordio lo scorso anno in occasione della festa dedicata ai più piccoli nella sala Millenium dell’oratorio, ricevendo poi le chiavi del paese il giorno successivo, sempre in parrocchia, durante il Carlevè dij Cit dall’ex sindaco Tommaso Turinetti.

Mancano poco più di due mesi, quindi, alla sfilata: per il grande ritorno sono previsti una quindicina di carri allegorici provenienti da ogni parte della provincia di Torino e della Regione, senza dimenticare le bande storiche e i gruppi a piedi, oltre alle maschere dei Comuni limitrofi.

Leggi anche:  Giornata del ringraziamento a San Giusto

Sale l’attesa

E in paese sale l’attesa per il Carlevà, che manca ormai dal 2011: tanto, troppo tempo per quella che è stata la festa più attesa dai mathiesi. Una manifestazione nata nel lontano 1947, che ha contribuito a far conoscere il nome di Mathi in tutto il Piemonte, grazie alle migliaia di visitatori che – ogni anno – hanno assistito alla sfilata per le vie del paese. «Dopo la delusione per il doppio rinvio dello scorso anno – afferma il presidente del Comitato Carnevale, Marco Vottero – ci siamo subito rimessi al lavoro per organizzare l’evento. Nei prossimi giorni incontreremo il funzionario comunale Maurizio Dall’Armellina e le forze dell’ordine per valutare insieme quale potrà essere il percorso migliore per la sfilata, affinché il Carlevà possa svolgersi nella massima sicurezza, sia per il pubblico presente che per le maschere. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane ufficializzeremo il programma dettagliato dell’evento e tutte le novità: speriamo davvero che questa sia la volta buona».