Commissari sulle tracce del male, delitti e indagini svelati dal capo della Squadra Mobile saranno protagonisti questa sera in seconda serata su Rai 3.

Commissari sulle tracce del male

Un nuovo progetto di Rai3 in onda il sabato in seconda serata.  “Commissari sulle tracce del male” un  infatti programma nato da un’idea di Pino Rinaldi e che si avvale della collaborazione della Polizia di Stato. Un racconto delle indagini svolte quindi da alcuni investigatori della Polizia su alcuni casi di cronaca giudiziaria che hanno segnato profondamente il loro lato umano. Delitti, omicidi e violenze avvenuti in diverse città italiane, risolti grazie al lavoro di un gruppo di esperti investigatori.

Indagini alla ribalta sul piccolo schermo

Protagonista di ogni puntata di Commissari sulle tracce del male è quindi l’investigatore che ha trattato il caso seguendone l’attività d’indagine.  Pertanto sarà lui, intervistato da Pino Rinaldi, il volto e la voce portante di un racconto che sarà arricchito da immagini, materiale documentaristico. E dal ricordo dell’esperienza diretta vissuta da alcuni dei collaboratori che hanno seguito il caso specifico al fianco dell’investigatore. Colui che alla fine si è trovato faccia a faccia con il responsabile del reato.

Leggi anche:  Violenta lite uomo minaccia compagna con un coltello

La quarta puntata

La quarta puntata di Commissari sulle tracce del male è in programma questa sera in seconda serata si Rai 3. Nel 2011 le strade di Lamezia Terme sono insanguinate da omicidi frutto di rivendicazioni tra clan che controllano il territorio. Rodolfo Ruperti all’epoca capo della Squadra Mobile di Catanzaro e i suoi, a seguito di un’importante operazione sulle estorsioni nel territorio lametino, riescono ad arrestare un rampollo di mafia e alcuni degli appartenenti alla ‘ndrina. Uno di questi si pente svelando alcuni dei segreti della cosca scatenando in poco tempo un inaspettato effetto domino tra gli arrestati che decidono di collaborare con la giustizia.