Filarmonica Devesina ha festeggiato Santa Cecilia.

Commemorata la Santa Patrona della musica

Filarmonica Devesina ha festeggiato Santa Cecilia con una riuscita commemorazione. Sabato 21 ottobre, presso la sede di via Rivette, i musici hanno, infatti, offerto al numeroso pubblico due ore di grande concerto, sotto la magistrale direzione del maestro Gaetano Di Mauro. Molti i brani del repertorio che sono stati eseguiti accompagnando, i presenti all’iniziativa in un viaggio fatto di note. Dalla commedia musicale alle marce sinfoniche, la formazione Devesina ha strappato scroscianti applausi. Presenti alla serata  gli assessori Giada Caudera e Fabrizio Fossati, il segretario provinciale Anbima Maria Rosa Olivetti e le rappresentanze di associazioni e bande locali.

Una giornata di grandi emozioni

I festeggiamenti della Filarmonica Devesina sono, quindi, proseguiti domenica 22 ottobre con la Messa presso la parrocchia di Devesi. Dopo un breve intrattenimento sul sagrato della chiesa, i musici si sono recati presso il cimitero della frazione. Qui è stato deposto un omaggio floreale alla lapide dedicata ai musici e ai soci defunti della Filamronica Devesina. Le celebrazioni sono terminate alla scuola Gazzera dove è stato posto un omaggio al monumento ai Caduti. Presenti alla cerimonia il sindaco Loredana Devietti e l’assessore Giada Caudera. A seguire il pranzo sociale presso l’istituto Troglia. Al termine la Filarmonica Devesina ha deliziato i presenti con alcuni brani folkloristici. Durante il pranzo è stato consegnato un omaggio a tutti coloro che hanno aiutato nei preparativi della festa patronale. Al pranzo era presente il vice sindaco Aldo Buratto.

Leggi anche:  Nuovo maestro per la Junior band

Applausi per un sodalizio storico

La Filarmonica Devesina venne fondata nel 1880 da un gruppo di musici per rallegrare le feste che si svolgevano a Devesi, estesa frazione di Ciriè. L’attuale organico della Filarmonica Devesina conta una cinquantina di musici dilettanti ed è composto in gran parte da giovani ragazze e ragazzi. La presenza di strumentisti giovani accanto ad altri di più lunga esperienza è il tratto caratterizzante del complesso, che mira costantemente attraverso lo studio e le prove settimanali a migliorarsi per essere sempre al passo con i tempi. La Devesina, in questi 137 anni di musica, è stata in grado di evolversi e rinnovarsi nel rispetto della tradizione grazie alla volontà e all’impegno di tante persone, unite dalla passione e dalla voglia di suonare insieme.