Giovani ballerini strappano applausi a ritmo di musica.

La danza di Rivarolo a Libr@ria

Giovani ballerini strappano applausi e complimenti. Venaria Reale ha, infatti, organizzato per la terza edizione consecutiva “Libr@ria, una città che legge, una città che cresce”. E’ stato un grande evento dedicato a promuovere la lettura a tutti i livelli. Sono andati in scena mostre, presentazioni di libri, performance di musica e teatro. Le iniziative hanno coinvolto tutta la città a fine ottobre a cura di “Via Maestra” e della Biblioteca civica “Tancredi Milone” con il patrocinio della Regione Piemonte. L’associazione Music DaTe a.s.d. di Rivarolo Canavese, partner della sezione danza dell’associazione Liceo Musicale di Rivarolo Canavese, è stata, quindi, grande protagonista dell’evento.

La magia della musica e del ballo

Il sodalizio rivarolese ha avuto, infatti, l’onore di essere stata scelto per spegnere le 20 candeline dedicate alla saga di “Harry Potter”. L’associazione ha presentato la coreografia curata da Riccardo Genovese dedicata proprio al maghetto inglese. Ne è nato, quindi, un evento nell’evento presentato in Piazza Annunziata: Da Hogwarts a Venaria, le Case danzano in armonia! E’ stato un grande onore dunque per la direttrice Barbara Quintaba vedere i propri giovani ballerini esibirsi in un contesto così suggestivo durante una rassegna di così vasto respiro. Gli allievi canavesani hanno raccolto i complimenti dei presenti per la professionalità dimostrata da tutto il gruppo di hip hop diretto magistralmente da Riccardo Genovese.

Leggi anche:  Un altro gatto ferito a fucilate

Orgoglio rivarolese

I giovani ballerini strappano applausi con la loro performance e la pioggia di complimenti è dunque motivo di orgoglio per tutti. “Ci fa piacere vedere come il nome della Città di Rivarolo Canavese venga associato sempre più sovente a eventi presenti su tutto il territorio regionale – spiegano dal sodalizio – merito questo di un serio lavoro di squadra che coinvolge puntualmente i collaboratori dell’associazione unitamente al lavoro di volontariato delle famiglie. Queste ultime, infatti, con grande attenzione, seguono i loro figli nel duro compito dell’educazione. Sforzi questi sempre ampiamente ripagati dall’entusiasmo degli stessi giovani artisti impegnati in appuntamenti sempre più importanti”.