Statua di Don Banche torna al suo posto dopo sei anno dal furto.

Statua di Don Banche

La statua di don Giovanni Banche è ritornata nel parco di via Garibaldi. La cerimonia d’inaugurazione è avvenuta sabato 26 maggio. L’opera di due metri d’altezza, costata 15 mila euro all’Amministrazione comunale , è stata posta nell’aiuola all’ingresso dell’area verde, a pochi passi dal campo da calcetto. Hanno preso parte alla giornata gli amministratori locali, i ragazzi dell’oratorio, il comitato per la valorizzazione del parco don Banche, il parroco don Stefano Turi e don Beppe Ghirardo, invitato in occasione dell’evento.

Trafugata nel 2012

Dopo sei anni la statua è ritornata nel giardino. Il precedente simulacro era stato rubato nell’autunno del 2012. E mai più ritrovato. Il sindaco Claudio Gambino ha spiegato chi fosse don Banche con queste parole: “Oggi ricordiamo la città di Borgaro nel 1943, a pochi giorni dalla firma dell’Armistizio. Era una comunità più piccola e dove ci si conosceva tutti. Il ruolo del parroco non era solo quello di curare le anime, ma anche di dare una mano concreta. Come ha fatto don Giovanni Banche salvando delle vite”.

Mezzo secolo di storia locale

Ha fatto 50 anni di storia cittadina, fino al 1981. Si è avuta anche l’accortezza di posizionare la stessa targa deposta dai parrocchiani nel 1998 dall’altra parte dell’area”. Maria Mainini, presidente del consiglio, ha letto una delle poesie scritte da don Banche. Ha concluso don Beppe Ghirardo: “ E’ stato un prete eccezionale. Mi ha accolto e sempre rispettato. Era una persona di poche parole, ma sentivo nel mio cuore che mi voleva bene. Come a tutti voi”.