Giochiamo insieme con i nonni, il progetto dell’associazione Cor et Amor a Bollengo.

Giochiamo insieme con i nonni a scuola

Alla scuola primaria di Bollengo i bambini hanno trascorso una giornata straordinaria, ricca di energia, gioia, gentilezza, attenzione, entusiasmo e di tante, tante, emozioni condivise coi nonni, che hanno partecipato a Giochiamo Insieme con i nonni a scuola, un progetto realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di Bollengo, la Scuola Primaria locale e l’associazione culturale Cor et Amor, che è stata rappresentata da Luca Nardi in qualità di conduttore dell’attività.

Una parola ricorrente

I nonni partecipanti (tantissimi), sono stati un po’ i nonni di tutti i bambini, anche di quelli i cui nonni, per vari motivi, non hanno potuto essere presenti. Una delle parole che è stata ripetuta più volte, come augurio reciproco, da nonni e bambini, durante l’intera giornata, è stata amore, seguita da felicità; a questo proposito è stato rivolto un invito, principalmente ai bambini, di avere sempre il coraggio di pronunciare la parola amore: la parola amore è una parola di cui andare fieri.

Leggi anche:  Borse di studio in memoria di Gloria Rosboch consegnate a Castellamonte

I momenti di gioco

La giornata è stata divisa in 5 momenti di gioco, ognuno dei quali dedicato a ciascuna delle 5 classi, a cui la scuola si è aperta, accogliendo i nonni dei bambini per condividere un’attività svolta insieme, durante l’orario scolastico. I Giochi della Gentilezza, a cui hanno giocato nonni e bambini, sono stati scelti in parte dai bambini, in un incontro di preparazione svolto precedentemente e per l’altra parte dal conduttore; i giochi scelti hanno permesso di trascorrere un’ora piacevole insieme, oltre che veicolare conoscenze, che possono sembrare scontate, ma che è importante rispolverare spesso, per poterle mettere in pratica nella quotidianità, tra queste: la meraviglia, la collaborazione, la curiosità, la trasformazione, l’attenzione.

Lo scopo di questa giornata era di creare un momento condiviso, “meraviglioso”, a scuola, che bambini e nonni potranno ricordare e conservare nel cuore, per molto tempo.