Liceo Botta, uno studio per riqualificare una chiesa  vercellese dell’XI secolo.

Liceo Botta, la proposta

Le associazioni di Borgo d’Ale sensibili al patrimonio culturale hanno invitato il liceo Botta di Ivrea a studiare l’antica chiesa di San Michele in Clivolo. Si tratta di un piccolo gioiello del Vercellese risalente all’XI secolo che presenta, al suo interno, affreschi medievali e quattrocenteschi. L’istituto eporediese ha accettato la sfida decidendo di coinvolgere gli allievi in un’attività che si articolerà in due fasi: la prima, di carattere didattico, prevederà lo studio della chiesa, la seconda, consisterà nell’apertura al pubblico, nel 2018.

L’apertura al pubblico

Il sindaco della cittadina vercellese e la Curia, insieme all’associazione “La bottega” di Borgo d’Ale garantiranno l’apertura del monumento, attualmente visitabile solo su richiesta.

I ragazzi del Liceo Botta hanno la fortuna di poter studiare e toccare con mano un monumento di notevole importanza anche per le sue caratteristiche architettoniche. La chiesa è caratterizzata da molteplici stratificazioni che ne rivelano le varie fasi costruttive e di riassetto. I ragazzi avranno anche la possibilità di dimostrare le competenze acquisite in classe confrontandosi con il pubblico al momento dell’apertura del monumento.

Leggi anche:  Biblioteca civica Cuorgnè piccoli lettori crescono

Un progetto che si ripete

Non è la prima volta che il Botta si fa carico di un progetto simile, l’istituto infatti ha, nel passato già ‘adottato’ importanti monumenti, uno su tutti la Chiesa di San Nicola da Tolentino ad Ivrea. Questa volta però gli studenti saranno affiancati da un’ex studentessa del liceo, Martina Gueli, ora iscritta al corso di Laurea in Beni Culturali, che collaborerà al progetto in qualità di ‘esperto esterno’.

Obiettivo ultimo del progetto è che la comunità di Borgo d’Ale possa rientrare in possesso dell’affresco tardo-gotico con S. Michele. L’opera, staccata, è conservata a Torino e un tempo impreziosiva l’abside della chiesa.