Proseguono gli appuntamenti di Pausa Pranzo con Confindustria. 

Sabato 30 settembre si parlerà di pausa pranzo e del rapporto tra cibo, territorio e impresa a “Può una mensa darsi dei fini?” (ore 11:00). Il dibattito, moderato da Antonio Calabrò, si focalizzerà sull’osservazione della sfera del lavoro attraverso il momento della pausa pranzo con il contributo di Lucio Cavazzoni, Presidente di Alce Nero. Nella sessione pomeridiana (dalle ore 15:00) il mondo delle imprese, della ricerca e dell’informazione si confronterà sul tema cibo-lavoro al workshop “Cibo e impresa: tutte (o quasi) le infinite opportunità”. Il parterre dei relatori vedrà la presenza di Brian Cerani, Sales e Marketing Manager di Compass Group, Angelo Colombini della segreteria nazionale CISL, Franco Fassio, ricercatore presso l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Michele Trimarchi economista dell’associazione nonprofit Tools for Culture e Stefano Ciafani, Direttore Generale di Legambiente. “Pausa pranzo! Conversazioni sull’economia civile” si concluderà nella mattinata di domenica 1 ottobre con “Per sentire le pietre cantare”, passeggiata formativa nel cuore di Ivrea sulle tracce di quell’Atene degli anni ’50 in cui l’opera di Adriano Olivetti ha lasciato un’impronta profonda. A fare da cicerone alla visita guidata sarà Marco Peroni, fondatore dell’Associazione culturale Pubblico-08 e autore della pubblicazione “Ivrea – Guida alla città di Adriano Olivetti”. Nel corso della passeggiata è prevista anche una tappa nella Chiesa di San Bernardino, che custodisce un ciclo di affreschi del pittore rinascimentale Giovanni Martino Spanzotti. Nei tre giorni dell’evento, infine, le Officine H della Cittadella olivettiana ospiteranno mostre sul rapporto tra cibo, cultura e impresa realizzate in collaborazione con il Laboratorio Museo Tecnologic@mente di Ivrea, l’Archivio storico Olivetti e l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Le esposizioni saranno visitabili durante i convegni all’interno dell’Auditorium Officina H.