Storico Carnevale di Castellamonte, tutto pronto per l’edizione 2018 dell’attesa manifestazione carnascialesca della città della Ceramica.

Storico Carnevale di Castellamonte al via

Fervono i preparativi all’ombra dell’arco di Pomodoro per l’organizzazione dell’edizione numero 66 dello Storico Carnevale di Castellamonte. Mercoledì scorso, 24 gennaio 2018, in sede, la Pro loco cittadina, guidata dal nuovo presidente Andrea Spinelli, ha infatti svelato il manifesto dell’evento. Nel flyer da collezione fa quindi bella mostra un magnifico giullare. E’ stato realizzato dall’artista Guglielmo Marthyn. Inoltre, è stato reso noto il programma dell’evento. E svelati i nomi di damigelle, terzieri e clavario della rievocazione storica del Tuchinaggio.

Dame, terzieri e clavario

Cresce in paese l’attesa per la prima uscita ufficiale dei nuovi protagonisti dello Storico Carnevale di Castellamonte. I reali saranno quindi accompagniati nel tradizionale corteggio storico dalle damigelle dei rioni. Le simpatiche e solari dame saranno quindi Sofia Spata (rione Torrazza), Sabrina Oliverio (Borgonuovo) e Beatrice Pescherino (Pracarano). Mentre Martina Nante rappresenterà il rione Fontana, Camilla Spinelli la borgata Castello, Giulia Scaringella San Pietro e Alice Renda il rione Maglio. Nei panni di clavario confermatissima Barbara Palvario. I terzieri saranno Angelo Colosimo e Patrick Scarabello.

Leggi anche:  Scuola infanzia Giraudo i piccoli alunni al Salone Internazionale del Libro

Bela Pignatera e Primo console

Serata inaugurale sabato 3 febbraio 2018. Lo Storico Carnevale di Castellamonte prenderà quindi il via alle 20.30. Corteo da Largo Talentino fino a piazza Vittorio Veneto. Qui verranno infatti presentati Rioni, Gruppi ospiti e Supremo ordine Bela Pignatera e Consoli. Sarà pertanto il preludio alla prima uscita ufficiale della Bela Pignatera e del Primo Console. In questi giorni in paese è scattato anche il “toto” contessa Isabella di Mombello e il conte Bernardo Gaio. Ruoli ben interpretati l’anno scorso da Marialuisa Villirillo e Fabio Ilardi.