Arturo Caracciolo entra in consiglio dopo le dimissioni di Sara Li Gregni. A Caselle dunque prima surroga del Baracco bis ieri lunedì 14 maggio nella sala consiliare di Palazzo Mosca

Arturo Caracciolo, passaggio di testimone

Da Sara Li Gregni, 37 anni, ad Arturo Caracciolo, 28 anni. Li Gregni si è dimessa lo scorso 4 maggio. Dopo un quinquennio di permanenza nel consiglio comunale. Nelle ultime elezioni aveva ottenuto 102 preferenze. Dopo undici mesi dall’inizio del mandato ha deciso di lasciare. Nelle prossime sedute si provvederà anche alla sostituzione di Li Gregni nell’Unione Net e nelle varie commissioni consiliari.

Lo strano caso Caracciolo

Per Caracciolo il percorso non è stato né facile, né immediato. Nel 2017 ha affrontato una campagna elettorale tesa e piena di colpi di scena. Ottenendo 80 preferenze. Non sufficienti a sedere tra i banchi del consiglio. Nella verifica delle schede ci si è accorti che Pier Paolo Valle aveva preso più voti. Entrando così la posto di Caracciolo. E ottenendo pure la carica di capogruppo di maggioranza.

Leggi anche:  Campagna elettorale venerdì si chiudono i comizi

Undici mesi dopo…

Caracciolo è riuscito a entrare nell’assemblea. Ha esordito: “Vi ringrazio di avermi dato la possibilità di presentarmi in questa assise che rappresenta l’istituzione più alta del territorio casellese. Rivolgo un pensiero a Sara Li Gregni che m’accingo a sostituire. Sicuramente darò il mio contributo per realizzare il programma elettorale. Dialogherò con tutti i consiglieri con lo scopo di far crescere la nostra Caselle”.