Come prendersi cura dei piedi? Sarà che sono lontani dalla testa, ma a volte dei nostri piedi proprio ci dimentichiamo. Eppure sono fedeli e insostituibili estremità, responsabili di ogni nostro spostamento e, per questo, meriterebbero più cure e attenzioni. Prendersi cura dei propri piedi è importante a partire da piccole abitudini quotidiane, ad esempio i pediluvi. Si consigliano quelli con erbe ed estratti naturali. D’estate l’ideale è un pediluvio con della menta, che assicura freschezza e refrigerio.

Iniziamo dal pediluvio

Se avete un po’ di tempo da dedicare a voi stessi, potete provare a prepararne uno facendo bollire nell’acqua qualche rametto di menta, salvia e timo. L’infuso si filtra e si mescola all’acqua del pediluvio. In alternativa l’infuso si può sostituire con gocce di olio essenziale di salvia sclarea (deodora, rilassa e distende dopo una dura giornata sui tacchi alti), geranio (riattiva e favorisce la circolazione), cipresso e patchouli (contribuisce ad eliminare i batteri responsabili del cattivo odore), menta (deodora e ridà energia), tiglio (per distendere i piedi affaticati). Ma accanto ai suggerimenti strettamente estetici, è necessario rivolgere l’attenzione anche a caratteristiche del piede strettamente collegate alla salute.

L’importanza di camminare

Sai come cammini? Bambini, anziani, sportivi sono i soggetti che più degli altri dovrebbero avvalersi di questo test, anche se un controllo farebbe bene un po’ a tutti. La baropodometria permette di misurare l’andamento della forza-peso rispetto alle varie parti del piede.

Leggi anche:  Fumo alcol e caffè stressano il cuore

L’esame baropodometrico

Con appositi strumenti si misurano le reazioni a terra, in stazione eretta e in deambulazione. In sostanza, con l’esame baropodometrico si scopre come si muove la persona rispetto agli indici di normalità. Camminare male nuoce alla salute. L’appoggio errato del piede incide negativamente sull’attività motoria. Influenza il movimento articolare provocando l’affaticamento alla marcia con conseguenze sulle ginocchia e sulla colonna vertebrale (mal di schiena). La minor superficie di appoggio comporta sovraccarico sul calcagno e sull’avampiede. Con seguente formazione di duroni e minore stabilità del piede stesso, riducendo la circolazione venosa con dolorose conseguenze. L’esame per gli sportivi L’analisi baropodometrica per gli sportivi può essere effettuata con un apposito plantare da utilizzare durante la pratica dell’attività. Grazie a esso si quantificano le spinte, la loro consistenza, e la loro correttezza. Si tratta di un esame utilissimo, per esempio, per chi fa podismo o corsa lenta.

Le scarpe sportive, come prendersi cura dei piedi?

Le scarpe sportive devono essere scelte con attenzione per aiutare l’atleta a offrire le migliori prestazioni possibili prevenendo eventuali problemi alle articolazioni.