Canoa kayak la Regione Piemonte su proposta dell’assessore Ferraris approva progetto per Ivrea.

Canoa kayak approvato il progetto

E’ stato approvato  l’adeguamento dell’impianto sportivo fluviale di Canoa kayak a Ivrea.  L’iniziativa è stata così proposta dell’assessore regionale allo sport Giovanni Maria Ferraris. L’accordo di programma è stato dunque discusso e votato venerdì 24 novembre dalla giunta regionale.

Cosa prevede l’accordo

La struttura sarà dunque sempre più in grado di ospitare eventi internazionali di grande importanza per il territorio. Garantirà la permanenza  del Centro federale di canoa slalom voluto appunto dalla Regione Piemonte  con la Federazione. I lavori di adeguamento  saranno divisi in due lotti. Il costo previsto  è di 380.000,00 euro,  di cui 100.000,00 euro coperti della Regione Piemonte.

Il commento dell’assessore regionale allo sport

“Questo atto dunque riconosce i numerosi sforzi ed investimenti della Regione per la sistemazione del canale di gara – ha detto l’assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris –  E’ un apprezzamento al connubio vincente costituito da sport e natura  nel pieno centro di una città di storia. Un impianto unico nel suo genere, divenuto quest’anno Centro federale nazionale grazie alla visione ed al congiunto impegno di Regione e Federazione. Si è saputo infatti meritarsi un posto nel circuito dell’elite mondiale della canoa slalom, affiancandolo   Sidney, Londra e Praga”.

Leggi anche:  Braccio di ferro ottimi risultati per i canavesani in Coppa Italia

Prospettive future per l’intero Canavese

“I lavori di adeguamento quindi consentiranno di ospitare un grande evento il prossimo anno – ha concluso Ferraris – Inoltre renderanno anche il territorio più attrattivo per le più importanti manifestazioni internazionali di alto profilo. Manifestazioni capaci di offrire un’indiscussa vetrina per la promozione del territorio regionale. Non solo come meta ambita dagli appassionati sportivi, ma come autentico luogo di eccellenza, che sa coniugare insieme sport, ambiente, storia, cultura e turismo”.