I sindaci di Cuorgnè, Rivarolo e Castellamonte hanno presenziato al primo torneo della ceramica: un triangolare di calcio a 11, organizzato nell’ambito della 57esima Mostra della Ceramica, che ha visto impegnate le formazioni juniores dei tre più grandi paesi dell’alto Canavese.

Il “patto della Toma”, simpaticamente siglato qualche giorno fa da Giuseppe Pezzetto e Pasquale Mazza, sindaci di Cuorgnè e Castellamonte, allarga i suoi confini. Si aggiunge, simbolicamente parlando, un posto a tavola, grazie questa volta non ai gustosi prodotti locali a chilometro zero, ma allo sport, che si conferma sinonimo sul terreno di gioco di sana competizione e anche fuori dal campo di aggregazione, condivisione e passione. Ieri sera, al “Roberto Cogliati”, i primi cittadini castellamontesi e cuorgnatesi e il sindaco di Rivarolo Canavese, Alberto Rostagno, hanno presenziato al primo torneo della ceramica: un triangolare di calcio a 11, organizzato nell’ambito della 57esima Mostra della Ceramica, che ha visto impegnate le formazioni juniores dei tre più grandi paesi dell’alto Canavese. “E’ un segnale importante per il territorio – hanno commentato i tre sindaci prima del calcio di inizio della manifestazione – E’ un evento simbolo di unione e collaborazione per lo sviluppo del nostro territorio. Noi ci siamo e siamo pronti ad unire le forze, giocando insieme come una sorta di Nazionale del Canavese. Questa manifestazione è un punto di partenza. Speriamo sia il primo di molti futuri eventi condivisi”.