Notte Bianca dopo l’anticipazione de Il Canavese l’associazione rivarolese conferma che non organizzerà l’evento.

Notte Bianca delle polemiche

In queste ore si stanno susseguendo riunioni e incontri tra il sindaco di Rivarolo, appena riconfermato, Alberto Rostagno e i commercianti per riuscire a salvare il salvabile della manifestazione che in era in programma il 6 luglio e che è stata cancellata dal calendario estivo di Rivarolo. Uno smacco non indifferente per la città definita la capitale del commercio canavesano e che rischia di non avere un evento, degno di questo nome, in occasione della serata di inizio delle vendite scontate.

La nota della Pro Loco

Sulla questione è intervenuto con una nota il presidente della Pro Loco di Rivarolo, Claudio Vota.

“Visti i numerosi post sui social e articoli apparsi sulla mancata organizzazione dell’evento “Notte di suoni e sapori… e Notte dei saldi” intende chiarire la propria posizione. La “Notte di Suoni e Sapori… e Notte dei saldi” è un evento che la Pro loco di Rivarolo ha ideato e organizzato, in completa autonomia, a partire dal 2007, in collaborazione con alcune attività commerciali di Rivarolo e aziende al di fuori del territorio che contribuivano alla copertura delle spese organizzative, interfacciandosi sempre con il Comune per le richieste amministrative e relative autorizzazioni. L’evento chiamato dai più “ Notte Bianca” è nato non solo per favorire il commercio ma principalmente per promuovere la conoscenza della Città e incentivarne l’attrazione turistica. Sin dal primo anno abbiamo invitato le Pro loco del territorio favorendo la riscoperta dei piatti della tradizione, preparati all’interno degli storici cortili, aperti al pubblico in via esclusiva per l’evento. Inoltre, sempre numerosi sono stati gli intrattenimenti per i bambini e le famiglie e la musica dal vivo all’interno di una vasta area pedonalizzata, per garantire la fruizione di un evento in completa sicurezza e per favorire il passeggio dei turisti in tutto il centro cittadino.

Volontari impegnati

“La Pro loco di Rivarolo è composta da volontari che nel mese di maggio (nei weekend 11/12 e 18/19) sono stati impegnati nell’organizzazione di nuovi eventi. Di conseguenza, il Consiglio Direttivo per necessità ha deciso a fine marzo, di modificare le modalità di raccolta delle adesioni, consegnando a mano a tutti i commercianti di Rivarolo nei primi giorni di aprile, una lettera in cui si confermava la volontà da parte della Pro loco di voler organizzare l’evento. Le volontarie del Servizio Civile Nazionale hanno distribuito le lettere, spiegando ai singoli operatori le nuove modalità di adesione. Ai commercianti si chiedeva una manifestazione di interesse per l’evento, scegliendo uno dei pacchetti pubblicitari proposti. La scadenza per l’adesione è stata fissata a fine aprile, in modo da garantire l’organizzazione di un evento di qualità che necessita di almeno due mesi, non due giorni, per l’organizzazione, stante la complessità del piano di sicurezza (30 giorni di anticipo), del piano di viabilità, delle autorizzazioni sanitarie etc. Non ci si improvvisa organizzatori di eventi. Le adesioni alla manifestazione sono state solamente 15 su più di 200 attività commerciali e produttive, quindi, delusi dallo scarso riscontro avuto, abbiamo iniziato ad interrogarci sull’effettivo interesse verso l’iniziativa”.

Speranza ultima a morire

“Tuttavia abbiamo temporeggiato più tempo possibile con la speranza che gli indecisi aderissero, poi, visto il disinteresse, abbiamo deciso di non organizzare la “Notte di suoni e sapori… e Notte dei saldi”, con provvedimento combattuto e molto sofferto preso all’unanimità all’interno del nostro Direttivo, soprattutto per quello che l’evento ha rappresentato negli anni per la Città di Rivarolo e per la nostra Associazione.
Non vogliamo polemizzare o colpevolizzare qualcuno per quello che non è stato, e contestualmente vogliamo ringraziare i pochi commercianti che hanno dato l’adesione anche quest’anno entro i termini e i proprietari dei cortili che in questi anni hanno aperto le porte della loro casa.
Ci spiace notare che sull’argomento ci siano commenti infelici e strumentalizzazioni anche politiche, che nulla hanno a che vedere con l’evento e con lo spirito della nostra associazione e che sicuramente non contribuiscono a creare quel clima di collaborazione che dovrebbe sempre esserci. La Pro loco di Rivarolo, anche se quest’anno non organizzerà la “Notte di Suoni e Sapori… e Notte dei saldi”, non smetterà di lavorare per la Città ed è già all’opera per creare nuove manifestazioni”.