L’autovelox installato vicino all’aeroporto Sandro Pertin porterà 4 milioni e mezzo d’euro nelle casse del comune di Caselle.

Velox dell’aeroporto: elevate 71.839 contravvenzioni

Nel 2019 sono state comminate oltre 70 mila sanzioni tramite l’autovelox. Lo scopo è prevenire gli incidenti stradali dovuti all’eccessiva velocità. Il dispositivo è stato posizionato il 15 ottobre 2018 in due punti. Sul cavalcavia del “Sandro Pertini” verso Torino e sulla strada di collegamento a San Maurizio per chi procede in direzione valli di Lanzo. Commenta il sindaco Luca Baracco: “Nella seconda parte del 2019 si è scesi da 600 multe al giorno a circa una centinaio. Quindi abbiamo centrato l’obiettivo”.

Il lavoro della Polizia Locale

Il velox viene gestito dalla società Area Riscossioni. Mentre la situazione a Caselle e all’aeroporto viene monitorato dalla Polizia Locale. Dichiara il comandante Alessandro Teppa: “Al fine di garantire una maggiore sicurezza sulle ex strade provinciali si sono utilizzati gli impianti fissi di rilevazione della velocità con autovelox ottenendo il risultato della diminuzione degli incidenti e delle sanzioni rispetto al 2018. L’anno passato abbiamo incassato circa 4 milioni e 500 mila euro come dato provvisorio”. Nel 2019 sono state notificate altre 25.763 multe derivanti dal passaggio con il semaforo rosso, dalle soste selvagge e dalla Ztl del “Sandro Pertini”.

Leggi anche:  Tavolo sulla qualità dell’aria convocato per domani a Torino

Sosta selvaggia nel centro storico

Nella zona intorno al municipio è diffusa la sosta “selvaggia”. Nei prossimi mesi s’intensificheranno i controlli per reprimere i trasgressori abituali. La vigilanza stradale è stata attuata anche tramite l’impiego di una pattuglia fissa automontata con il compito d’effettuare posti di blocco. Questi si sono tenuti lungo le principali arterie stradali, quali: strada Aeroporto e le vie Torino, Leinì e San Maurizio.