La nuova amministrazione comunale ha già  compiuto interventi importanti a Forno e ora si pensa ai nuovi progetti per l’ex area Obert.

Nuovi progetti per l’ex area Obert

L’Amministrazione comunale di Forno, come spiegato nell’articolo di settimana scorsa pubblicato sul nostro settimanale, nei primi mesi alla guida del paese ha già compiuto alcuni interventi importanti. Però il gruppo guidato dal sindaco Alessandro Gaudio, che ha la ferma intenzione di dare un nuovo volto alla cittadina altocanavesana, è alle prese anche con una serie di progetti futuri. I quali, per quanto possibile, vogliono essere presentati nel 2020, per poter così gettare le basi al fine di renderli realtà.

Il parcheggio

Tra quelli senza dubbio più interessanti anche per la stessa comunità, c’è l’opera che interesserà l’ex Area Obert ed in particolare la parte da sempre incompleta dello spazio fornese. Quello, insomma, che riguarda pure i parcheggi sotterranei che dalla loro realizzazione, di fatto, sono rimasti sempre inutilizzati. «Da tanti anni si discute, nelle sale del Comune come fuori, di quali possano essere le idee ed i progetti migliori per recuperare e rilanciare una zona come quella dell’ex Area Obert e della parte limitrofa – spiegano sia Gaudio che il vicesindaco, Vincenzo Armenio – Ebbene, per quanto riguarda la parte incompleta nel 2020 porteremo avanti il discorso della realizzazione di una sala polivalente. Forno necessita di uno spazio di questo tipo e la parte dove sorgono i parcheggi interrati è quella ideale per finalmente dare alla nostra realtà un servizio come quello». I parcheggi, come detto, presenti saranno anche loro rimessi a nuovo, divenendo così a disposizione di chi ne farà richiesta: «Non solo sarà la possibilità di dare maggior decoro a quella parte dell’area – dicono in coro gli amministratori comunali – ma permetterà pure alle casse comunali di avere delle entrate importanti».

Leggi anche:  Il fornese Loris Bottino conquista il tricolore nel Campionato italiano velocità in salita

Uno spazio per le associazioni

Infine, un occhio di riguardo anche alle associazioni cittadine, che in questa zona potranno avere una loro nuova casa: «Infatti, tra le iniziative in programma c’è quella di recuperare finalmente la zona dell’area Obert che era occupata dall’Asa, che è stata dissequestrata. Faremo in modo di realizzare lì le sedi di Coro, Alpini e del Trail del Monte Soglio, che meritano di avere degli spazi nuovi e più fruibili alle loro esigenze».