Addio a Dana, la labrador la cui storia ha ispirato anche una fiaba per ragazzi e bambini. La dolcissima cagnolona cuorgnatese, la sua proprietaria e la guardaparco, che l’aveva ritrovata dopo 8 mesi, erano stati protagonisti nel 2016 del Premio Internazionale Fedeltà del cane.

Addio a Dana

“Avrei voluto fare di più, ma ti ho dato tutto l’amore che avevo. E tu hai fatto lo stesso con me in ogni istante della tua vita. Ringrazio la Dottoressa Invrea e Marco per tutto quello che hanno tentato di fare in questi mesi. Buon viaggio amore mio. Ti tengo nel mio cuore” E’ con queste parole, affidate alla sua pagina social, che la giovane consigliere comunale di Cuorgnè, Sabrina Mannarino, ha detto addio a Dana, la sua dolce e simpatica labrador, strappata prematuramente all’affetto della sua padrona da un brutto male. Il messaggio toccante di Mannarino è arrivato nella giornata di venerdì e in breve ha raccolto la solidarietà di amici e conoscenti con tantissime reazioni e commenti di vicinanza al lutto.

Fedeltà

La bella storia della cagnolona e di Sabrina, infatti, aveva toccato il cuore dei canavesani e non solo. Una vicenda premiata con un riconoscimento speciale durante la cinquantacinquesima edizione del “Premio internazionale fedeltà del cane” di San Rocco di Camogli e diventata anche una fiaba, scritta da Maria Grazia Pezzetto. Un libro per grandi e piccini capace di raccontare come possa essere profondo l’affetto tra l’uomo e il cane e come questo legame non si affievolisca neppure dopo un lungo periodo di lontananza.

Leggi anche:  Convegno a Sanremo: bene lotta alla ludopatia, ma sì al gioco legale

Una storia da favola

Una assolata domenica pomeriggio di primavera di tre anni fa, a Ceresole Reale, Dana, fugge verso la montagna, spaventata dal rombo di un gruppo di motociclette in arrivo. Non torna nè quel pomeriggio, nè nei giorni seguenti. Nonostante le incessanti ricerche, non si trova. Per molto tempo, ogni fine settimana, la sua proprietaria, Sabrina Mannarino, aiutata dagli amici, dai guardaparco, dagli operai della diga e dagli abitanti del luogo, cerca inutilmente traccia della cagnetta. Dopo otto lunghi mesi, nei quali mai si è persa la speranza, Dana viene finalmente ritrovata dalla guardaparco, Raffaella Miravalle, e riconsegnata alla famiglia. Quella famiglia che le è stata accanto in questi giorni fino all’ultimo, perché la fedeltà del meticcio di labrador nero ci ha dimostrato una volta di più che l’amicizia può durare per sempre.