Amianto fibra killer. Questa sera alle 21 in piazza Santa Marta,si svolgerà un’assemblea pubblica organizzata dalla Cgil Piemonte dal titolo “Amianto, fibra killer”.

Amianto fibra killer

Un tema molto importante e sul quale si vuole sensibilizzare ancor più la popolazione e stimolare gli interessati a intervenire là dove la “fibra killer” è ancora presente ed è necessaria dunque una bonifica.

Seondo i dati presentati dal sindacato in Piemonte ci sono circa 250 nuovi casi l’anno, ma il picco, visti i tempi di incubazione, è previsto si manifesti dopo il 2020. Ogni anno in Italia si registrano mediamente oltre 3.000 morti per aver respirato fibre di amianto (tumori polmonari, mesoteliomi…).

Lo scopo dell’incontro dunque è promuovere la bonifica, investendo tutte le risorse necessarie in questo obiettivo, potenziare le strutture preposte alla prevenzione.

L’accusa del sindacato

“Le sentenze Eternit e quella di appello per le morti da amianto alla Olivetti di Ivrea, ci dicono che ancora non si è fatta giustizia. – si legge sul manifesto dell’evento – La CGIL da anni è in campo con iniziative di denuncia e di mobilitazione per acquisire risposte atte a debellare il fenomeno ed è impegnata a sostenere le famiglie che affrontano i processi”.

Leggi anche:  Vaporella pericolosa: rischio ustione e scosse elettriche

Gli interventi

A presiedere l’incontro il responsabile Cgil Zona Ivrea Rita Castelnuovo. Interverranno Enrica Valfrè (Segretaria Generale Cgil Torino), Carlo Della Pepa (Sindaco di Ivrea), Laura D’Amico (Avvocato), Federico Bellono (Segretario Generale Fiom-Cgil Torino), Beppe Capella (Sportello Salute Cgil Ivrea), conclude Maurizio Landini (Segretario Cgil Nazionale).