Anche in Canavese è nata la cosiddetta Banca del Tempo. Ecco quali sono le sue preculiarità.

Anche in Canavese è nata la cosiddetta Banca del Tempo

Anche in Canavese nasce una nuova realtà chiamata «La Banca del tempo». A guidare il gruppo, che è nato in quel di Rivarolo, è la presidente Milena Goi, affianca dal vice Antonello Spaducci (che è anche consigliere comunale a Favria), dalla segretaria Giovanna Cinotto e dalla tesoriera Margherita Teppati. «Questo gruppo – fanno sapere gli ideatori del progetto – nasce dal desiderio dei soci fondatori di creare una rete di rapporti e di supporti tra persone, ma anche tra enti ed associazioni».

La moneta utilizzata è… il tempo

In pratica la «Banca del Tempo del Canavese» rappresenta un modo per dare vita ad uno scambio di conoscenze e saperi, rappresentando pure un luogo d’incontro e amicizia, che permetta di valorizzare le persone e non il denaro. «Iscrivendosi alla banca del tempo – proseguono dal direttivo – si apre un conto corrente dove si deposita… il proprio tempo, che al momento del bisogno si può utilizzare. La “moneta” nella nostra Banca è costituita dall’ora, con le sue frazioni o multipli, indipendentemente dal prezzo di mercato della prestazione offerta, basandosi sul principio della pari dignità delle attività scambiate. Chiunque può farne parte, mettendo a disposizione qualche ora del proprio tempo e le proprie capacità, offrendo qualcosa di utile agli altri».

Leggi anche:  Amazon ritira decorazioni natalizie a tema Auschwitz: utenti inorriditi

Attività aggiornate in base alla disponibilità degli iscritti

Le attività vengono continuamente aggiornate, tenendo naturalmente conto delle disponibilità dei nuovi iscritti. Inoltre, come confermato dai componenti della Banca del Tempo, questa nuova realtà canavesana è disponibile a fare rete e ad avviare progetti pure con le scuole ed enti che lavorano nell’ambito del sociale. «In questa maniera si potranno proporre corsi ed incontri su varie tematiche. La proposta è rivolta a tutti gli abitanti del Canavese. Chi volesse avere informazioni o volesse aderire al progetto è possibile contattare il 349-5619420 (Goi), il 335-5627238 (Cinotto) oppure il 342-1647806 (Spaducci). Inoltre, l’associazione è raggiungibile anche scrivendo agli indirizzi email bancadeltempocanavese@gmail.com ed antonellospaducci@gmail.com.