Asl To4: Sui procedimenti disciplinari la Dichiarazione del Direttore Generale Lorenzo Ardissone.

Asl To4

Sui procedimenti disciplinari recentemente avviati arriva a stretto giro di posta la Dichiarazione del Direttore Generale Lorenzo Ardissone. “Un fatto direi comune nella vita delle organizzazioni quale l’avvio di un procedimento disciplinare (sottolineo l’avvio) sta assumendo un livello di spettacolarizzazione mai visto ivi compresa anche una raccolta firme on line. Infatti negli anni non è certo l’unico caso di avvio di procedimento analogo nei confronti di personale a qualsivoglia profilo professionale appartenente quindi anche al profilo di infermiere e mai, dico mai, il semplice avvio di un procedimento disciplinare in contradditorio e con tutte le tutele di legge per il dipendente aveva mai assunto una visibilità come in questo caso”.

Procedimenti disciplinari

Il direttore generale dell’Asl To4, Lorenzo Ardissone aggiunge poi: “Ogni procedimento di avvio vede poi un percorso formale del tutto garantistico al termine del quale, con serenità, ricerca della verità, gli organi aziendali competenti esprimono la valutazione. Non è né nella storia di questa Asl To4, né nella mia storia di confondere le responsabilità legate ai profili professionali con le legittime prerogative che sono proprie ed oggetto dei relativi diritti di critica sindacale”.

Leggi anche:  Gruppi di cammino anche a Ozegna: il martedì e il sabato

Direttore generale

Ardissone chiosa: “Per cui desidero significare agli organi di stampa ed a tutti coloro che si tengono informati sulle vicende della Asl nonché ai dipendenti ed a tutte le organizzazioni sindacali che: -alla Asl To4 non sono stati, non sono, e non saranno mai avviati procedimenti disciplinari legati al diritto di critica sindacale, in qualunque modo esso si esprima; in questa azienda ospedaliera sono stati, sono e saranno avviati procedimenti disciplinari legati esclusivamente all’accertamento in contraddittorio di eventuali violazioni di responsabilità legate ai contenuti dei doveri propri del profilo professionale di appartenenza; ogni procedimento si avvia e si conclude nel pieno rispetto delle norme a tutela dei dipendenti”.