Atlantide2: 13 persone autistiche inserite nelle aziende. L’obiettivo è dare la possibilità di fare esperienza all’interno del territorio, in particolare del Canavese.

Atlantide2

Un’iniziativa che darà a un gruppo di 13 persone autistiche adulte la possibilità di fare esperienza all’interno di aziende del territorio, in particolare del Canavese. Il progetto Atlantide2 – primo in Piemonte per specificità degli interventi e per numero e tipologia di soggetti coinvolti (beneficiari e partner) – è giunto ora alla fase di sperimentazione lavorativa vera e propria. L’iniziativa è stata illustrata a cittadini e organi di informazione nel corso di una conferenza di presentazione che si è tenuta oggi, giovedì 7 marzo alle 11.30, presso la sede di Confindustria
Canavese, in corso Costantino Nigra 2 a Ivrea (TO).

Autodeterminazione

“Le persone autistiche in età adulta hanno subito a lungo le conseguenze della carenza di strumenti clinici e terapeutici appropriati per la loro abilitazione”, spiega Arianna Porzi, presidente ANGSA Torino Onlus (gruppo Ivrea – Canavese). “Atlantide 2 nasce proprio per rispondere a questa specifica domanda di salute del nostro territorio, tenendo ben presente che il lavoro – inteso come condizione che dà e restituisce dignità all’individuo, qualunque sia la sua condizione sociale e di salute – può avere un ruolo centrale nell’autodeterminazione di ciascuna persona autistica e nella realizzazione del proprio progetto di vita, favorendone lo stato di benessere”.

Leggi anche:  Pediatria Ivrea, un regalo ai piccoli pazienti in occasione del Giro d'Italia

La storia

Atlantide 2 – iniziativa finanziata dalla Fondazione CRT, attraverso il bando “Vivo Meglio” – ha avuto inizio circa un anno fa, con un percorso formativo di grande successo riguardante tematiche quali l’alternanza scuola/lavoro e i laboratori occupazionali, tenuto da esperti di livello nazionale e rivolto a operatori del settore (educatori, operatori sociali e sanitari), insegnanti e familiari di soggetti autistici.