Atlete Quadrifoglio  Rosso  ai Regionali. I risultati delle giovani ginnaste  di Lanzo e Ciriacese.

Atlete Quadrifoglio Rosso ai Regionali

Infatti fine settimana di grande impegno, sabato 20 e domenica 21 gennaio, per le allieve del Quadrifoglio Rosso, che hanno preso parte alla prima prova regionale della Don Bosco Cup, che nel palazzetto sportivo di San Maurizio ha visto in gara ben 280 ginnaste. Nel pomeriggio di sabato, per il programma D, categoria “Mini”, del Quadrifoglio Rosso sono scese in campo Andrea Carlotta Hertel, seconda classificata al volteggio, arrivata pari merito, passa terza per età. Nella classifica generale, la Hertel si piazza 14^; Nadia Bellino Roci, 17^ e Francesca Boggia e Melissa Kuka, ventesime a pari merito.

Domenica 21 le altre gare

Domenica 21 gennaio, per il “Programma D”, categoria “Under 17”, Marta Sacco si classifica all’11^ posizione. Per la categoria “Propaganda”, invece, Sofia Arbezzano e Alice Vaudano si classificano 20^ pari merito. Per il programma C, categoria “Mini”, grande soddisfazione per Francesca Bergero, che si classifica prima nella specialità volteggio; seconda nella specialità trave e terza nella classifica generale. Della stessa categoria, Beatrice Pallaria è 16^ nella classifica generale. Per la categoria “Propaganda”, Giulia Giacomino Piovan è 17^ classificata mentre Giorgia Faella è 20^ pari merito.

Leggi anche:  Impraticabile la ciclabile lungo Stura

Sofia Elia  influenzata

Purtroppo non gareggia Sofia Elia, a causa dell’influenza che l’ha costretta a letto. Della categoria “Under 15”, sempre programma “C”, Laura Bergagna si classifica 15 ^ pari merito. Della categoria “Senior”, Annamaria Dibenedetto sale sul podio 2^ classificata. Soddisfatte le allenatrici, Angela Loriga, Andrea Miclaus e Anastasia Aiello: “Siamo molto contente dell’impegno e del grande entusiasmo dimostrati dalle ragazze, anche se la “tremarella” regnava sovrana in gara. Ci sta, considerando che tutte le ginnaste sono tutte passate di categoria e sono alle prese con nuovi esercizi e, soprattutto, con un grado di difficoltà ben più alto. Ma si può sempre migliorare”.