Aumentano le donne che si rivolgono ai Centri antiviolenza. Sono 3.125 quelle che si sono rivolte ai centri in Piemonte.

Aumentano le donne vittime di violenza

Sono 3.125 le donne che nel 2018 sono state seguite in percorsi di uscita dalla violenza dai Centri antiviolenza piemontesi su 3.455 che hanno chiesto aiuto: quasi mille in più rispetto alle 2.336 seguite nel 2017. Sono state 85 quelle che hanno trovato dimora in una casa rifugio.

Si tratta dei risultati di una ricerca condotta da Ires Piemonte e presentata durante gli Stati generali del Piemonte per il contrasto alla violenza di genere, tenutasi il 6 marzo nella Fabbrica delle E di Torino su iniziativa della Regione.

Così l’assessore regionale

“Probabilmente la nostra decisione di intensificare la comunicazione su questo fronte, facendo sapere alle vittime di maltrattamenti che noi ci siamo e possiamo aiutarle, sta pagando”, ha sostenuto l’assessore regionale ai Diritti e alle Pari opportunità, Monica Cerutti, che ha però anche evidenziato che “restano irrisolti dei nodi cruciali: quando una donna denuncia la violenza non sempre riusciamo a proteggerla dal compagno che a volte riesce persino a toglierle la vita. Inoltre manca, a mio parere, la condivisione di tutti i dati detenuti dai vari soggetti che operano per il contrasto del fenomeno”.

Leggi anche:  Pioggia sino a lunedì: previsioni disastrose per il weekend

Chi si rivolge ai centri antiviolenza

Dalla ricerca emerge anche l’identikit della donna che si rivolge ai Centri antiviolenza; abita in prevalenza nell’area metropolitana di Torino, ha i 31 e i 50 anni, metà ha un’occupazione e metà è senza lavoro, quattro su dieci sono sposate e quasi tutte con figli. In genere il loro titolo di studio è un diploma (quattro su dieci), un 11% ha la laurea, e più di sei su dieci sono cittadine italiane. “Non è infatti vero che la violenza si consuma soprattutto all’interno di coppie prevalentemente straniere”, ha commentato Cerutti.