Giovannino, il bambino abbandonato dai genitori in ospedale. Ha appena quattro mesi di vita. Da subito in tutta Italia si è aperta una vera e propria gara di solidarietà per adottarlo.

Bambino abbandonato dai genitori

I medici e le infermiere dell’ospedale Sant’Anna di Torino lo hanno chiamato Giovannino. E’ il bimbo, di appena 4 mesi, che è stato abbandonato in ospedale dai suoi genitori. E’ stato “adottato” dal personale della struttura sanitaria di Torino dopo che, dopo la diagnosi di una malattia rara, hanno deciso di abbandonarlo all’ospedale.

L’ittiosi arlecchino

Non può essere esposto al sole il piccolo Giovannino. Soffre dell’Ittiosi arlecchino, una rara patologia che colpisce una persona su circa un milione. La pelle è sottile, fragile e il rischio di infezioni è altissimo. Per questo vive all’interno dell’ospedale, grazie alle amorevoli cure del personale del Sant’Anna. E di chi, ancora, ha preso a cuore la sua triste storia e continua a portare vestitini e giocattoli per lui.

LEGGI ANCHE: Bambino abbandonato dai genitori, è affetto da una rara malattia.

Gara di solidarietà

Ha preso il via una vera e propria gara di solidarietà per adottare o prendere in affido il piccolo Giovannino.  Stanno diventando sempre più numerose infatti le richieste da parte di coppie o single chiedono di potersi occupare di questa piccola creatura. Inoltre, anche la Piccola Casa della Divina Provvidenza (il Cottolengo), di Torino è disponibile ad accogliere Giovannino. La vicenda ha infatti avuto un’eco grandissima su tutta la penisola.

Leggi anche:  A Balangero, la reliquia di Giovanni Paolo II°

La Regione: Giovannino e chi lo assiste non devono rimanere soli

«Giovannino sta ricevendo all’ospedale Sant’Anna di Torino le migliori attenzioni sanitarie e umane possibili. I medici e gli infermieri che in questa tristissima vicenda stanno sostituendosi con encomiabile generosità ai genitori del bambino, devono poter contare sulla vicinanza solidale e concreta delle istituzioni, avendo l’assicurazione che la situazione verrà costantemente monitorata per garantire l’assistenza del bimbo in ospedale, fino a quando non si troverà un affidamento definitivo. La Regione certamente farà la sua parte, affinchè in questa battaglia nessuno rimanga solo». Questo il commento  dell’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, sul caso del bambino affetto da una malattia rara e incurabile, abbandonato dai genitori all’ospedale Sant’Anna di Torino.