Carta identità elettronica anche a Valperga.

Carta identità elettronica

Arriva anche a Valperga la nuova carta  identità elettronica. La prima è stata consegnata al cittadino Enzo Scamarcia. La nuova Carta di identità elettronica è realizzata in materiale plastico. Ha le dimensioni di una carta di credito. E’ dotata di sofisticati elementi di sicurezza e di un microchip che memorizza i dati del titolare. Tante le novità, a partire dalla consegna a domicilio (per posta) della carta formato card e dal Codice Fiscale riportato anche sotto forma di codice a barre sul retro del documento.

Come richiederla

A fare chiarezza sulle tempistiche e sulle modalità di richiesta e rilascio del tecnologico documento è stato direttamente il sindaco, Gabriele Francisca. “La Carta d’Identità Elettronica non verrà più rilasciata sul momento ma verrà spedita dal Ministero nei successivi sei giorni lavorativi alla richiesta in Comune. La Carta d’Identità in formato cartaceo potrà essere rilasciata solo in caso di gravi e comprovati motivi. Quali ragioni di salute, viaggio imminente all’estero, consultazioni elettorali, partecipazione a concorsi pubblici o gare d’appalto. Per il rinnovo della Carta d’Identità in formato elettronico, al costo di 22,21 Euro, occorre presentarsi personalmente con la carta d’identità in scadenza. La ricevuta di pagamento, ritirando il bollettino precompilato presso l’ufficio anagrafe. Il codice fiscale ed una fotografia in formato cartaceo o digitale (penna Usb)”.

Leggi anche:  Capo Gabinetto del sindaco: le proposte e richieste del M5S di Ivrea

Cosa c’è da sapere

In caso di smarrimento, furto, deterioramento il costo è di 27,37 Euro ed occorre la denuncia in caso di smarrimento. Per il rilascio del documento ad un minore di 18 anni è necessario il consenso di entrambi i genitori. Per richiedere la Carta d’Identità Elettronica occorre prendere appuntamento presso all’Ufficio Anagrafe. E’ anche possibile fissare un appuntamento tramite l’agenda di prenotazione elettronica, accedendo al sito https://agendacie.interno.gov.it”. In una settimana sono circa una quindicina le pratiche avviate dal Comune per le nuove carte di identità. Dotate di codici Pin e Puk, contengono la facoltà di indicare (attraverso la compilazione di un’apposita dichiarazione), il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte.