Città dell’auto addio… A Borgaro Torinese

Città dell’auto addio

L’idea risaliva al 2003. La concessionaria “Autoingross” voleva realizzare un maxi salone per la vendita d’auto multi-marca. Sedici anni dopo la società ha presentato un progetto che riduce i metri quadrati da 13 mila a 6.500. Annuncia il sindaco Claudio Gambino, nel consiglio di lunedì scorso: “La nuova area  non è mai decollata. Tutto ciò è stato reso impossibile dai grandi autosaloni e dalla vendita on-line”.

Area su via Lanzo

La zona si trova lungo la direttrice di traffico di via Lanzo. Nello specifico è ricompresa tra le vie Mazzini, Lanzo e Garibaldi. Al posto del nuovo autosalone, varie categorie merceologiche. L’Amministrazione ha richiesto al privato  opere specifiche. Prima di tutto una rotonda tra le vie Stati Uniti e Lanzo, così da raccordarsi a via Garibaldi. Quindi la costruzione di una pista ciclo-pedonale fino al parco “Chico Mendes”. Infine l’individuazione di un appezzamento recintato verso via Garibaldi, da adibire al parco giochi per bambini e all’ “agility dog”.

Leggi anche:  "Corri per un buon motivo: Loris": un migliaio i presenti

 E il commercio locale?

Le  opposizioni alla giunta Gambino hanno dimostrato parecchie perplessità. Il rischio è cancellare i negozi locali. Data la concorrenza del nuovo centro. Un’altra obiezione mossa sono state le pretese troppo modeste del comune di Borgaro verso gli imprenditori.