A Pont aprono i primi tre locali del progetto Contrada Maestra: sono i progetti di Ivan Tozzoli, Livio Girivetto e Davide Franzoso.

Contrada Maestra

Sono tre i progetti che si sono aggiudicati i primi spazi disponibili per il progetto «Contrada Maestra», ma saranno in tutto quattro le nuove attività artistiche che apriranno i battenti sotto i portici medievali di via Caviglione, a partire dal prossimo mese di febbraio. E’ stata approvata infatti la graduatoria definitiva del progetto di rigenerazione urbana varato dal Comune di Pont Canavese, il cui bando è scaduto lo scorso 1° dicembre. Obiettivo dell’iniziativa recuperare e riutilizzare i locali sfitti disponibili in via Caviglione per darli in concessione gratuita ad artisti e artigiani per un periodo iniziale di tre anni. Con la condizione che questi realizzino, oltre alle loro attività, progetti di inclusione sociale, co-creazione artistica e artigianale e collaborazioni con realtà già attive sul territorio e con le scuole del paese.

La commissione esaminatrice, composta da Pietro Marchetti, Marisa Boetto, Claudio Lorenzoni, Guido Novaria e dall’assessore comunale alla Cultura, Vanessa Seren Bernardone, ha assegnato i tre migliori punteggi ai progetti presentati da Ivan Tozzoli, Livio Girivetto e Davide Franzoso.

Le luci e i bijoux di Ivan Tazzoli

Ivan Tazzoli realizza creazioni in alluminio. Luce e colori sono gli ingredienti della sua arte e intende coinvolgere tutto il paese in opere artistiche corali, con la collaborazione dei colleghi contradaioli. «Dentro ognuno di noi esiste un’energia propulsiva e la bellezza è la liberazione di questa energia, personale, originale, profondamente tua e lontana dall’omologazione», scrive nella presentazione del suo sito (www.uranoarteluce.com). Tra le sue produzioni lampadari, applique, lampade personalizzate, bijoux e altre decorazioni.

Leggi anche:  Tavolo sulla qualità dell’aria in previsione del blocco dei veicoli diesel Euro 4

L’attività di Livio Grivetto

Livio Girivetto (https://sites.google.com/site/girivettolivio) ha invece una lunga e comprovata esperienza nel campo della ceramica, ma non solo. Da anni coinvolge grandi e piccini con la sua arte e per «Contrada Maestra» metterà in gioco la stessa energia per coinvolgere gli altri artisti e i pontesi.

L’artista del legno Davide Franzoso

Promette, infine, percorsi di conoscenza dalla materia grezza al manufatto artistico Davide Franzoso, artista del legno esperto in tornitura artistica e tradizionale (www.facebook.com/tornituraartisticadavidefranzoso).

L’attività di Marco Spione

La quarta attività a trovare spazio in via Caviglione sarà quella di Marco Spione, che ha un negozio che si affaccia sulla via. Di sua iniziativa ha in programma di aprire il suo spazio, proponendo tante attività diverse: laboratorio del riuso, cineforum, giochi per bambini. Un luogo di incontro e condivisione aperto a tutti.

Presto le altre aperture

«Non appena avremo altri spazi a disposizione, contatteremo il quarto e quinto progetto in graduatoria e daremo loro la possibilità di inserirsi – spiega la curatrice di “Contrada Maestra”, Antonella Rosa – intanto, dal mese di febbraio, in via Caviglione riapriranno quattro attività e mi sembra un buon inizio. Mi auguro che altri proprietari decidano di unirsi, visto che il Comune di Pont prevede diverse agevolazioni per chi decidesse di aderire al progetto». Per saperne di più ed essere sempre aggiornati su «Contrada Maestra», è possibile consultare il sito (www.contradamaestra.com) e la pagina Facebook dedicata all’iniziativa.