Il campione della Juventus Cristiano Ronaldo beve vino da 31mila euro in un locale londinese, insieme ad amici e alla sua fidanzata Georgina.

Cristiano Ronaldo beve vino da 31mila euro

Cristiano Ronaldo non bada a spese quando si tratta di festeggiare con la sua fidanzata Georgina. Daltronde quando hai al polso un orologio d 2 milioni di euro, spenderne 31mila in una serata per bere del buon vino è un lusso che puoi permetterti.

Occasione il primo compleanno di Alana Martina

Il fenomeno della Juventus si trovava a Londra in occasione del torneo Atp di tennis, così per festeggiare il primo compleanno della figlioletta Alana Martina ha ordinato due bottiglie di gran vino: prima una bottiglia di Richebourg Grand Cru, il vino più costoso del mondo, pagando 20 mila euro, poi un Pomerol Petrus del 1982, pagato circa 11 mila euro.

100mila euro di fatturato annui

Daltronde il supercampione fattura circa 100 milioni di euro all’anno e 31mila euro in una serata allo Scott’s di Londra in compagnia della fidanzata e degli amici più intimi. Lo scorso settembre CR7 era stato avvistato anche in Canavese dove si era concesso una buona cena canavesana a Lanzo e San Maurizio, ma allora non ordinò vino supercostoso.

Leggi anche:  Engie Italia al Festival dell’Innovazione e della Scienza di Settimo Torinese: l’impegno per cittadini, aziende e città

Fra Barolo e Barbaresco

In Piemonte Ronaldo avrebbe ovviamente l’imbarazzo della scelta. A stilare la classifica dei vini italiani più costosi è “Most Expensive Italian Wine”, ma alle prime cinque posizioni ci sono cinque vini toscani. Il primo piemontese è Barolo, un Mascarello Artist Label, da “appena”, si fa per dire, 391 euro a bottiglia, seguito dal Barbaresco Gaja Sori San Lorenzo da 362€, al nono posto il Gaja Sori Tildin Langhe-Barbaresco, a 345€, poi il Barolo Riserva Vietti Villero da 345€ e il Gaja Costa Russi Langhe-Barbaresco da 340€. Insomma, toscani a parte Barolo e Barbaresco dominano la classifica delle uve piemontesi e chissà che anche Cristiano Ronaldo non si faccia “coccolare” dalle nostre specialità, sicuramente più economiche e probabilmente anche più buone.