Croce Rossa in festa a Cuorgné: consegnate croci di anzianità ai volontari nella giornata di domenica 5 maggio, nell’ex Chiesa della SS. Trinità.

Croce Rossa in Festa

«Abbiamo un sogno: avere più persone al nostro fianco. Per non dover mai dire di “no”, a causa del mancato ricambio generazionale alle fasce più deboli della cittadinanza e a chi ha bisogno dei nostri servizi. La mancanza di nuovi volontari purtroppo è un problema comune a molti Comitati». Sono le parole pronunciate dal presidente della Croce Rossa di Cuorgnè, Carluccio Trione, domenica scorsa 5 maggio, durante la consegna delle Croci di anzianità ai volontari del sodalizio del paese della due torri. Si tratta di un appello rivolto soprattutto ai giovani, perché mai come oggi l’Italia e il Canavese che aiutano hanno bisogno di forze nuove.

Una pioggia di applausi

La cerimonia di conferimento degli importanti riconoscimenti si è svolta nella splendida cornice dell’ex chiesa della Santissima Trinità, alla presenza del sindaco del paese, Giuseppe Pezzetto, della volontaria e vice primo cittadino di Valperga, Isabella Buffo, del presidente della Comitato Regionale Piemonte della Croce rossa, Antonino Calvano, e del presidente provinciale Cri Torino, Graziano Giardino. Una pioggia di applausi è stata riservata al Coro Gran Paradiso di Pont, autore di suggestivi ed emozionanti canti. Per i 15 anni di servizio sono stati premiati: Armando Perotti, Ausilia Nizzia, Ettore Pasqualone, Stefano Vallosio, Giorgio Luraghi e Pietro Barinotto.

Leggi anche:  Ciapa 'n liber, la nuova iniziativa a Val di Chy

Bilancio positivo

L’iniziativa è stata anche l’occasione per tracciare un bilancio di quanto di positivo fatto dal gruppo cuorgnatese della Cri, che conta una ottantina di iscritti con a disposizione un parco mezzi con 3 ambulanze, quattro Doblò e una Fiat Punto. Nel solo 2018 sono stati ben 961 i servizi svolti dal Comitato cittadino. «E’ stato un onore ed un privilegio poter appuntare quelle spille – ha commentato Pezzetto –. Sono il segno di un senso di comunità e di aiuto per chi più ha bisogno, che da quando sono Sindaco ho potuto vedere ancor più concretamente in azione. Siamo fortunati ad avere una rete così importante di volontari. Invito i giovani ad avvicinarsi a queste realtà».