Danni del maltempo a Traversella, venerdì scorso il sopralluogo del consigliere regionale e presidente della Commissione Trasporti e Viabilità Mauro Fava.

Danni del maltempo a Traversella

Venerdì scorso, 29 novembre, il consigliere regionale Mauro Fava, presidente della Commissione Trasporti e Viabilità di palazzo Lascaris, ha effettuato un sopralluogo in Valchiusella, per verificare la situazione delle zone più colpite dalle abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi.

Le parole del consigliere Fava

«Abbiamo controllato le condizioni della strada in frazione Chiara di Traversella, dove una slavina ha interessato una cascina, e della provinciale che porta alla frazione Drusacco, che è rimasta chiusa al traffico per giorni, a causa di una frana e del cedimento del manto stradale – spiega Mauro Fava – Mi impegnerò anche presso la Città Metropolitana affinché vengano stanziati i fondi necessari per la messa in sicurezza definitiva. Così come si dovrà intervenire nel più breve tempo possibile per ripristinare completamente la strada che porta a Fondo, dove oltretutto c’è un’attività di ristorazione che è rimasta per giorni irraggiungibile, con gravi danni economici per i proprietari. Ho voluto rendermi conto personalmente della situazione, perché oltre agli interventi urgenti occorre pianificare una serie di opere per mettere in sicurezza le strade più a rischio».

Leggi anche:  Blackout in Valle Orco, il vicesindaco di Ceresole: "Situazione sotto controllo, grazie a chi ha aiutato"

Le parole del sindaco di Traversella Colombatto

L’intervento del consigliere regionale cuorgnatese è stato apprezzato particolarmente dal sindaco di Traversella, Renza Colombatto.

«Dobbiamo ringraziare vivamente Mauro Fava per la disponibilità che ha dimostrato. Capita assai di rado che un rappresentante delle istituzioni venga dalle nostre parti a rendersi conto sul campo dei problemi che dobbiamo affrontare: è questa la politica che ci piace – spiega – Le precipitazioni di una settimana fa ci hanno quasi isolati. Ma i dissesti che si sono verificati potrebbero essere evitati con gli interventi adeguati».