Buone notizie per chi viaggia sulla linea Canavesana. A partire dal 10 settembre sarà mantenuta la fermata alla stazione di Feletto per 23 dei 42 treni circolanti sulla linea SFM1 Chieri-Settimo-Rivarolo-Pont.

Stazione di Feletto

A partire dal 10 settembre sarà mantenuta la fermata alla stazione di Feletto per 23 dei 42 treni circolanti sulla linea Sfm1 Chieri-Settimo-Rivarolo-Pont. Questo l’esito degli approfondimenti chiesti a Gtt da Regione Piemonte, Agenzia della Mobilità Piemontese e dai sindaci della linea Canavesana. Approfondimenti presentati questa mattina. L’assessorato regionale ai Trasporti ha comunicato la buona notizia questo pomeriggio, dopo un incontro ad hoc avvenuto a Torino.

Ferrovia Canavesana

Dal 27 Agosto al 9 settembre, per rispettare le imposizioni dell’Ansf, l’Agenzia Nazionale della Sicurezza Ferroviaria, che fissano il limite di velocità ai 50 km/h, sarà soppressa la fermata alla stazione di Feletto. Ma dal 10 settembre con la riapertura delle scuole, la fermata sulla linea Canavesana sarà ripristinata per il 55% dei treni. Dal 27 agosto al 9 settembre, e per i treni che dal 10 non fermeranno alla stazione di Feletto, saranno attivati servizi di autobus navetta da Feletto verso Rivarolo e verso Bosconero.

Leggi anche:  Cuorgnè raccolta ingombranti: un sabato ecosostenibile contro i "maiali"

Il commento di Pezzetto

“La coesione tra Sindaci del territorio ed il supporto del comitato spontaneo nato a Feletto ci ha consentito di ottenere un risultato soddisfacente. – il commento su Facebook del sindaco di Cuorgnè, Giuseppe Pezzetto – Adesso dobbiamo pertanto monitorare che i tempi vengano rispettati. Mi auguro che la stessa coesione tra amministratori e cittadini valga per la salvaguardia e lo sviluppo di tutta la tratta ferroviaria Canavesana. In queste settimane sono stati più volte confermati gli investimenti per la messa in sicurezza. E per l’elettrificazione anche della tratta Rivarolo – Pont. Tutto questo, in sintesi, per avere una connessione con Torino a livelli accettabili. Quello del treno è un argomento su cui spesso sono intervenuto. Quindi, mi auguro che lo spirito di gruppo creatosi intorno alla vicenda della Stazione di Feletto possa superare campanili e schieramenti politici mettendo anche in futuro al centro lo sviluppo del nostro Canavese”.