Si è svolta lo scorso 16 novembre la Festa del Ringraziamento a Pont Canavese organizzata dalla sezione Coldiretti Valli Orco e Soana, in collaborazione con il Comune.

Festa del Ringraziamento a Pont Canavese

Coltivatori ed allevatori di Pont e valli in festa, sabato 16 novembre, a Pont Canavese. La sezione Coldiretti Valli Orco e Soana, in collaborazione con il Comune di Pont, ha celebrato infatti «La Festa del ringraziamento». Primo appuntamento presso la sala consigliare comunale, con la premiazione del concorso «La montagna, i suoi alpeggi e i suoi margari», organizzato in collaborazione con la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Pont Canavese e la Regione Piemonte e vinto dalla Scuola di Pont.

Numerose le autorità presenti

A fare gli onori di casa è stato il sindaco Paolo Coppo, il quale ha ricordato l’importanza delle attività agricole per il territorio e la necessità di incentivarle come alternativa all’industria. A tutte le scuole partecipanti è stato consegnato un attestato. La Regione Piemonte, rappresentata dai consiglieri regionali canavesani Mauro Fava e Andrea Cane, ha donato una targa ai vincitori. Numerose le autorità presenti, tra cui sindaci e amministratori dei Comuni delle valli, il presidente dell’Unione Montana Valli Orco e Soana e sindaco di Frassinetto, Marco Bonatto, e l’onorevole Alessandro Giglio Vigna.

Leggi anche:  San Francesco al Campo: l'opposizione interviene sulla questione del consigliere «sfiduciato»

Un occhio all’ambiente

Alla premiazione è intervenuta anche la «Teknoservice», azienda di raccolta rifiuti, che ha distribuito a tutti i partecipanti delle borse contenenti eco-gadget, come bloc-notes e matite, ottenuti grazie al riciclo dei materiali, nell’ambito della campagna di informazione e sensibilizzazione #cleanthestreet, contro l’abbandono di rifiuti nell’ambiente. Un modo alternativo per insegnare ai bambini l’importanza di una corretta raccolta differenziata. Tra i gadget consegnati agli alunni delle primarie pure due utili tabelle con la suddivisione dei prodotti orto-frutticoli piemontesi secondo i mesi e le stagioni, realizzate a cura della «Fondazione Campagna Amica» di Coldiretti.

La messa, la visita al museo e la festa

Gli appuntamenti sono proseguiti con la Santa Messa, celebrata dal parroco don Aldo presso la chiesa di San Francesco, in via Caviglione,  seguita dalla visita al Museo Etnografico dell’associazione «Ij Canteir». Per concludere in allegria la festa, allevatori ed agricoltori si sono poi ritrovati presso il salone polivalente per la tradizionale cena, curata dalla Pro Loco di Sparone ed allietata dal gruppo musicale «I Giuvu d’na volta».