“Fiori d’azzurro”: a Cuorgnè un No alla violenza su bimbi e adolescenti. L’iniziativa si svolge nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 aprile.

“Fiori d’azzurro”

Anche quest’anno la Città di Cuorgnè scende in campo con Telefono Azzurro. Nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 Aprile si svolge l’iniziativa Fiori d’Azzurro per dire No a qualsiasi forma di violenza contro i bambini e gli adolescenti. Come lo scorso anno, l’Amministrazione Comunale di Cuorgnè con la consigliera Sabrina Mannarino e l’Assessore Mauro Fava, insieme alla Protezione Civile della Città di Cuorgnè, sostengono Telefono Azzurro con la distribuzione delle piantine solidali all’interno dell’ipermercato Ipercoop di Cuorgnè nella giornata di sabato 13 e durante la manifestazione “El Mercà ca-i era na volta…” di domenica 14 aprile.

Telefono Azzurro

Telefono Azzurro da ormai oltre trent’anni opera per la protezione di bambini e adolescenti. Il numero dei giovani che subiscono violenza fisica e psicologica è considerevole in Italia. Bambini e adolescenti maltrattati, privati della loro identità, schiacciati dalla paura del domani. Telefono azzurro è accanto a loro, li ascolta ed interviene 24 ore su 24, con la linea gratuita 1.96.96.

Leggi anche:  Mauro Fava candidato in Regione con la Lega

Ringraziamenti

Il Comune di Cuorgnè considera le attività sociali e di volontariato una ricchezza fondamentale per la comunità. Un particolare ringraziamento da parte del Consigliere Mannarino e dell’Assessore Fava va al Geom. Mauro Malano, al coordinatore Angelo Rocca a Salvatore Iannizzi e a tutto il gruppo volontari della Protezione Civile di Cuorgnè, alla volontaria di Telefono Azzurro Erica Fazzari, nonché ai tanti cittadini che decideranno di sostenere Telefono Azzurro con l’acquisto di una piantina solidale. Si ringrazia, infine, il direttore dell’Ipercoop di Cuorgnè Danilo Bischero per la gentile concessione dello spazio in cui è stato allestito il banchetto. Oggi insieme a Telefono Azzuro: perché nessun abuso, nessuna violenza subita da bambini e adolescenti rimanga inascoltata.